Porti e macchine volanti: la mobilità del futuro

Martedì 10 marzo alle 12.24 GMT

 

Entro il 2030, il 60 percento della popolazione dovrebbe vivere nelle aree urbane, quindi il vertipuertos sarà presto una realtà. 

L'aeronautica di Airbus e lo studio MVRDV ci mostra come cambierà la mobilità veicoli antenna e costruzioni preparate per esso nei decenni successivi. 

Questi tipi di città sono stati nominati UAM, mobilità aerea urbana o, Mobilità aerea urbana.

Il progetto coinvolge anche aziende Bauhaus Luftahrt, ETH Zurigo e Systra.

Si tratta di grattacieli con balconi appositamente progettati per il libero flusso di auto volanti che promettono di rivoluzionare l'attuale sistema di trasporto. 

Gli ambienti saranno drasticamente trasformati per consentire la coesistenza del tradizionale movimento terrestre e aereo. 

Strutture lineari come strade o tunnel scomparirebbero nell'aria, il che parla di un modo innovativo di muoversi.

Quindi i vertipuertos o le porte verticali sembrano un'opzione interessante e praticabile, in aggiunta alla quale sarebbero considerati punti di energia rinnovabile.

Si prevede inoltre che fin dall'inizio il piano sarà sviluppato con una consapevolezza ecologica responsabile.

Il futuro è più vicino di quanto sembri, e il tecnologia Consentirà alle città di crescere, collegare i territori e ottimizzare i tempi. 

Mancano ancora alcuni anni per affinare e perfezionare i dettagli; tuttavia, il cambiamento è già in corso. 

 

Potrebbe piacerti anche:

Quando la tecnologia ci raggiunge: dall'orologio agli smartwatch

Che cos'è e come funzionano i famosi video mapping?

Le installazioni interattive di Rafael Lozano-Hemmer