Tra il mito e la realtà di una donna libera: Coco Chanel
20500
post-template-default,single,single-post,postid-20500,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,qode-news-2.0.1,qode-quick-links-2.0,aawp-custom,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-18.2,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.5,vc_responsive

Tra il mito e la realtà di una donna libera: Coco Chanel

Quando si sente il nome di Coco Chanel Marchio, stile ed eleganza vengono in mente, ma cosa c'era oltre? Chi era quello mujer?

Ti diciamo alcuni dati che potresti non conoscere su una delle donne più nominate della storia:

Gabrielle Chanel è nato a Francia agosto 19 di 1883, sua madre era una contadina e suo padre un commerciante.

Intorno alla 11 o alla 12, rimase orfana e suo padre la fece entrare in un monastero, dove sarebbe rimasta fino alla 18. Lì ha imparato a ricamare e cucire.

Tuttavia, non avrebbe mai accettato la sua infanzia in quelle condizioni e ha sempre affermato di essere nata in 1893.

Ha lavorato per qualche tempo in un bar chiamato La Rotonde dove ha cantato, dicono che in quel momento ha adottato il soprannome di Coco.

Ha iniziato a progettare cappelli e aprì il suo primo negozio all'1913 di Parigi, accettazione e prestigio arrivarono per ciò che decollò rapidamente.

El nero a quel tempo era un colore per i funerali e veniva usato raramente. Ha introdotto e reso popolare il little abito nero che, attualmente, la stragrande maggioranza delle donne ha nel proprio armadio.

Versatile e sofisticato rimane un capo essenziale fino ad oggi.

Per 1921 lancia il suo primo profumo Chanel No 5, sarebbe la prima fragranza che prenderà il nome di un designer.

Mentre l'imprenditrice avrebbe messo l'5, considerando il suo numero preferito e fortunato. Un fatto curioso è che è il più venduto nella storia.

Gli appassionati di sport desideravano abiti comodi e sofisticati, quindi mi lascio alle spalle corsetti o vestiti attillati. È stato uno dei primi a portare pantaloni.

Riconosci persino il design Abiti tailor femminili.

Perfezionista e determinato ha anche reso i capelli corti alla moda per le donne.

Aveva diversi affari, sebbene non si fosse mai sposato.

Non fu mai controllato, ma fu accusata di essere una informatrice nazista poiché aveva una relazione con l'ufficiale tedesco Hans Günther Von Dincklage.

Una delle relazioni più intense che incontrò fu con il musicista Igor Stravinsky

Gli ultimi anni di 30 vissuti nel Ritz Hotel, fino all'10 di gennaio di 1971, data della sua morte.

Dicono che le ultime parole che pronunciò andarono al suo assistente Celine e dissero: "Vedi, è così che muori".

Potrebbe piacerti anche:

I costumi del balletto dell'Opera di Parigi disegnato da Chanel

Iris Van Herpen, un progressista che dà movimento alla moda

Donna Karan, la newyorkese di moda più internazionale

Immagine animata dell'animazione 'condividi la tua arte'
Non ci sono commenti

Invia un commento