Storia del kimono: tradizione giapponese che sopravvive negli anni

Martedì 16 luglio 14.10 GMT



Storia del kimono: tradizione giapponese che sopravvive negli anni

Floreale, colorato o semplice, il kimono mantiene il significato per coloro che lo portano fin dai tempi antichi.

Questo Indumento tradizionale giapponese, definito come "Cosa indossare", originariamente era chiamato gofuku.

Il termine gofuku, deriva dal forte influenza cinese sul Giappone e i suoi classici vestiti hanufu.

Fu così che nel settimo secolo, la moda cinese e il collo sovrapposto diedero origine ai primi kimono fatti con canapa o tela.


La sua confezione e il ricamo a mano si stavano evolvendo con il arrivo della seta in Giappone.

E allo stesso tempo il suo valore e significato.

I tessuti, i colori e le decorazioni variano a seconda del sesso, dell'età, dello stato civile, del periodo dell'anno e dello stato economico.

El Periodo Tokugawa (dal diciassettesimo al diciannovesimo secolo) caratterizza il kimono per la sua sontuosità e decorazione.

Durante il periodo Edo (1603-1867), il design T era più stilizzato, quando le maniche sono cresciute in lunghezza.

Da quel momento, il obi, che è la cintura che si adatta alla vita, è diventata più ampia e con diversi stili.

Il kimono trasformato in un'opera d'arte era sostituito da vestiti europei dopo la seconda guerra mondiale.

Attualmente, uomini, donne e bambini giapponesi mantengono viva questa antica tradizione, anche se solo in occasioni speciali.

Anche, la sua originalità e maestà ha attraversato le barriere asiatiche per raggiungere le grandi passerelle della moda con Yves Saint Lauren, Gucci o Prada.