Rivoluzione alla moda: chi ha creato i miei vestiti e come lo fanno?

Giovedì 02 maggio 21.33 GMT


Rivoluzione alla moda: chi ha creato i miei vestiti e come lo fanno?


Un'industria della moda più equa con le persone e responsabile dell'ambiente è ciò che il movimento Fashion Revolution cerca di creare.

Ti sei mai chiesto, da dove vengono i miei vestiti? Chi ce l'ha fatta? Dove è stato fabbricato?

Le ragazze e i ragazzi che compongono questa organizzazione no-profit, sì. Ed è così che ha iniziato un progetto in tutto il mondo per informare sui costi e sui modi in cui viene prodotto l'abbigliamento.

Lo menzionano come la vera conoscenza del costo reale della moda.

Dopo una tragedia, una grande idea

Per due anni, il modo in cui Fashion Revolution è diventato popolare è attraverso i social network.

Tuttavia, questo è iniziato dopo la tragedia in Bangladesh. Siamo stati trasportati all'24 ad aprile dell'2013 quando si è verificato il quarto più grande disastro industriale nella storia del paese asiatico.

Ed è che l'edificio del Rana Plaza, dove sono state installate cinque fabbriche di abbigliamento, è crollato. Dopo questo evento, migliaia di persone 133 sono morte e 2 mille 500 sono rimaste ferite. La maggior parte delle persone colpite erano donne, che lavoravano per il mercato della moda occidentale, in condizioni deplorevoli e senza diritti.

Inoltre, questi fatti hanno esposto al mondo la realtà dell'industria tessile.

È così che è nato il movimento, che mira a promuovere un concetto di moda equo, sicuro, pulito e responsabile.

Chi ha fatto i miei vestiti?

Da allora, la campagna annuale si concentra principalmente in quattro giorni. Questo 2019 è stato realizzato tra 24 e 28 ad aprile. Il motto era «chi ha fatto i miei vestiti?».

Con questo interrogatorio, è stato provato che tutte le persone hanno cominciato a chiedersi come sono i processi di produzione dei marchi che consumano.

Ed è quello secondo la ricerca di Fashion Revolution ORG; Almeno 36 milioni di persone vivono una specie di schiavitù nel settore. Inoltre, una 80% della forza lavoro è composta da donne.

A peggiorare le cose, nella maggior parte dei casi, le condizioni di lavoro, la sicurezza e il pagamento sono spregevoli. Salari bassi, poche o nessuna misura di sicurezza e ore di lavoro eccessive.

Il Messico è la rivoluzione della moda

Questo movimento globale senza scopo di lucro che è riuscito a "affiliare" più dei paesi 100 in tutto il mondo. Il Messico è stato tra i primi ad aderire e l'obiettivo è creare una grande campagna che faccia molto rumore.

Parlare di tendenze, ma anche di sostenibilità, commercio equo, lavoro dignitoso, inquinamento e riciclaggio. Oltre alla responsabilità sociale ed ecologica.

E non è solo una chiamata alla gente comune che consuma vestiti. Anche per l'intera industria tessile, che è attraente per prendere parte alla propria attività senza dimenticare il pianeta.