L'eccentricità di Tim Walker fa brillare Vogue

Giovedì 20 giugno 22.41 GMT


L'eccentricità di Tim Walker fa brillare Vogue


Il fotografo inglese Tim Walker ha affascinato i lettori di W, Amore y Vogue con la sua scenografia stravagante.

E come dimenticare i motivi romantici che caratterizzano il suo stile inconfondibile o la sua serie leggendaria Betulla (Mi sta baciando) o con Tilda Swilton.

Inoltre, la sua carriera fotografica negli anni 15 la completa con la sua tecnica di film e video direzione.


Una star in Vogue

Walker è nato in Inghilterra nel 1970. Il suo amore per la fotografia è iniziato nella biblioteca Condé Nast di Londra.

Lì ha lavorato nell'archivio di Cecil Beaton per un anno.

Diplomato in fotografia, ha studiato con lode all'Exeter College of Art.

Durante quel periodo ricevette il terzo premio come giovane fotografo indipendente dell'anno.

Dopo aver lavorato come indipendente, si trasferisce a New York come assistente a tempo pieno dell'americano Richard Avedon.

Poi, all'età di 25 anni, ha girato la sua prima storia di moda per Vogue e ha fotografato per le edizioni britanniche, italiane e americane.

Nel 2008 Walker ha realizzato la sua prima grande mostra al Design Museum di Londra. Allo stesso tempo, ha pubblicato il suo libro Pictures.

Tornando al suo lavoro audiovisivo, il primo cortometraggio di Walker è stato The Lost Explorer, presentato al Festival del film di Locarno in Svizzera.

Con lui ha vinto il miglior cortometraggio al Chicago United Film Festival nel 2011. E anni dopo ha presentato il suo spettacolo fotografico Story Teller, alla Somerset House di Londra, un gioiello e un piacere visivo.

Il Victoria & Albert Museum e la National Portrait Gallery di Londra includono permanentemente le loro collezioni.