Vivienne Westwood e Judy Blame: l'etichetta ribelle della moda punk

Martedì 21 aprile 07.42 GMT

Lo stile punk ebbe origine negli anni '70 e andò di pari passo con il pensiero politico anti-sistema e un atteggiamento ribelle e ribelle.

Insieme al movimento che ha abbracciato il mondo musicale e artistico, nasce la moda in stile punk Vivene Westwood e Judy Blame sono grandi esponenti.

Vivienne Westwood (1941)

Vivienne ha dominato la scena underground londinese con i suoi design, inclusi due pezzi iconici: pantaloni con tubo di scarico, jeans super skinny che si contrapponevano a quelli svasati, tipici di hippy e musica da discoteca e pantaloni bondage, realizzato in tartan e con toppe in pelle.

Sex Pistols, Sid Vicious e Johnny Rotten sono alcune delle star che hanno adottato questo stile peculiare che ha ridefinito il concetto di femminilità e mascolinità, lasciando il posto al look androgino.

Catene alla moda BDSM (Bondage, Discipline, Domination, Submission, Sadism and Masochism), scozzesi scozzesi, rasoi e i caratteristici capelli a punta sono elementi che hanno caratterizzato il movimento e il design degli inglesi.

Nel 1971, il designer ha aperto un negozio di abbigliamento chiamato Dacci dentro, che in seguito fu ribattezzato SEX, in cui Westwood espose i suoi disegni più stravaganti.

Motociclisti, feticisti del cuoio e prostitute stesse sono stati fonte d'ispirazione per gli inglesi.

Oggi i design di Westwood si sono evoluti, ma senza perdere quel valore in più dell'utilizzo della moda come mezzo di espressione.

È il caso della sua ultima collezione Springs 2020 pronto da indossare in cui Vivienne si è dimenticata dello spettacolo e ha lasciato che la sua battuta parlasse da sola. La designer ha rivelato di aver ridotto il numero di stili del 50% nell'abbigliamento femminile e del 32% nell'abbigliamento maschile per sottolineare che è tempo di spendere meno ed essere più attenti all'ambiente.

I loro tartan tradizionali non mancavano in passerella.

Judy Blame (1960-2018)

Stilista inglese Judy Blame ha anche lasciato un segno indelebile nel mondo di moda punk.

Per Blame, il punk era la sua scuola di moda senza andare a lezione, la sua influenza lo ha portato a recitare in dozzine di copertine negli anni '90.

L'estetica punk di Blame come stilista e creatore di immagini ha contribuito a influenzare riviste come La faccia y iD negli anni ottanta e novanta.

Le sue creazioni, spesso su larga scala, spiegavano una vasta gamma di rottami metallici e riciclaggio con cui ha creato pezzi che hanno fatto forti dichiarazioni al mondo.

La colpa ha progettato pezzi per artisti internazionali come Björk, Boy George e Kylie Minogue.