L'arte della caccia con le aquile reali, dall'obiettivo di Leo Thomas

Mercoledì 29 gennaio 14.45 GMT


L'arte della caccia con le aquile reali, dall'obiettivo di Leo Thomas


Nelle colline dell'Altai in Mongolia, ci sono ancora gruppi nomadi che praticano la caccia accompagnati da aquile reali.  

Una tradizione che si trasmette di generazione in generazione attraverso gli anni.

Rimangono tuttavia pochi dei suoi rappresentanti: circa 300 guardiani e solo 10 donne.

Storicamente i cacciatori sono conosciuti come burkitshi e sono ammirevoli portatori di un'arte ereditata.

Vestiti con indumenti in pelle fatti a mano, cavalcano imponenti cavalli per catturare piccoli mammiferi come volpi o lepri.

El fotografo Tedesco Leo Thomas È stato assegnato il compito di documentare questa straordinaria usanza che proviene da una cultura antica.

Così ha dato al mondo immagini incredibili catturate nella parte occidentale di quel paese in cui è rappresentato il legame stretto e indissolubile tra la persona e il suo uccello.

Oltre ad essere scatti che mostrano la vita quotidiana di un gruppo, contengono una bellezza eccezionale.

 

Potrebbe piacerti anche:

Guillermo Kahlo: il fotografo messicano per i beni culturali

Le sfumature dell'obiettivo del fotografo Christopher Herwig

La dualità di Tagliavini cristiani, tra arte barocca e digitale