Un acchiappasogni che raccoglie plastica e genera consapevolezza
18612
post-template-default,single,single-post,postid-18612,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,qode-news-2.0.1,qode-quick-links-2.0,aawp-custom,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-18.2,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.5,vc_responsive

Un acchiappasogni che raccoglie plastica e genera consapevolezza

La quantità di plastica nel mare è un argomento serio e preoccupante.

Ecco perché la Azienda di design Corea GBO pensato di realizzare acchiappasogni, a installazione che cattura i detriti di plastica dall'oceano.

Un ideale che molti perseguono per salvaguardare le specie che vivono lì.

Seoul diventa così un sito che desidera sensibilizzare sull'importanza di proteggere i mari.

Il progetto è ambizioso, una volta pronto, cercano i visitatori per riflettere sulle conseguenze che questo materiale implica per tutti.

Avrà anche un'estetica particolare, poiché raccogliendo una tale quantità di PET l'effetto darà bellezza.

È destinata ad essere un'esperienza sensoriale in cui tutti i sensi vengono coinvolti.

L'azienda prevede inoltre di portare l'installazione attraverso diversi paesi in modo che il messaggio raggiunga un numero maggiore di persone.

Potrebbe piacerti anche:

Jurassic plastic, la mostra di Hiroshi Fuji che fa paura

La luce al neon degli animali notturni: installazione fluorescente a Milano

Fotografie presso il teamLab di Yulia Shur

Immagine animata dell'animazione 'condividi la tua arte'
Non ci sono commenti

Invia un commento