Luigi Colani, il genio futuristico del design industriale

Mercoledì 11 marzo 14.15 GMT

Luigi Colani Era uno dei più importanti designer industriali del XX secolo, ma era anche uno scultore, un pittore, un ingegnere, un urbanista e un tecnico.

Con oltre 4 schizzi, molti dei quali realtà e molti altri su carta, è considerato un genio pazzo e un innovatore fuori dal comune.

È stato autore di sedie, automobili, aerei, strumenti musicali, macchine fotografiche, persino una televisione e spazi come uffici, tra molti altri progetti.

Ispirato dalla natura, si distingueva per forme arrotondate e organiche. Per lui non c'erano angoli o spigoli.

Il mio mondo è rotondo.

Il designer "biodinamico"

Lutz Colani è nato il 2 agosto 1928 a Berlino, GermaniaI suoi genitori lo incoraggiarono a realizzare i propri giocattoli fin da piccoli.

Ha studiato scultura e pittura all'Accademia delle arti di Berlino e nel 1948 ha anche frequentato un corso di aerodinamica alla Sorbona di Parigi.

Ha definito le sue creazioni "biodinamiche", la verità è che il suo stile era inquietante e audace.

I suoi disegni, per non dire altro, erano non convenzionali. La critica e l'opinione pubblica avevano un'opinione divisa, c'erano quelli che lo odiavano e nella stessa proporzione, quelli che lo amavano.

La verità è che ha rivoluzionato lo scenario prevalente non solo nel suo paese ma in tutto il mondo.

Futuristico, controverso e sgargiante, nel 1972 fonda il suo studio al Castello di Harkotten.

È morto il 16 settembre 2019, le sue opere insolite e rivoluzionarie sono state lasciate come eredità di una generazione e ispirazione per i giovani creativi.

Potrebbe piacerti anche:

Pearl Valtierra: quando la ceramica diventa arte

Gli Eames, la coppia che ha fatto la sedia in cui tutti ci siamo seduti

Star Wars e Kenneth Cobonpue insieme in una collezione di mobili di lusso