Sedia BKF: uno dei mobili più replicati della storia
19429
post-template-default,single,single-post,postid-19429,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,qode-news-2.0.1,qode-quick-links-2.0,aawp-custom,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-18.2,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.5,vc_responsive

Sedia BKF: uno dei mobili più replicati della storia

Il buon gusto non passa mai di moda e Sedia BKF Ne è la prova.

Questo articolo è opera del catalano Antonio Bonet e gli argentini Juan Kurchan e Jorge Ferrari-Hardoy.

Da qui il suo nome: Bonet, Kurchan e Ferrari, grazie agli architetti e ai designer che l'hanno creato.

La sua nascita era in 1938in Buenos Aires, senza immaginare che sarebbe diventata un'icona del design del ventesimo secolo.

Questo pezzo è uno dei più copiati nel tempo, anche gli Stati Uniti lo farebbero illegalmente ed è quindi conosciuto allo stesso modo di sedia a farfalla

I suoi creatori furono anche fondatori e parte di un importante movimento a cui parteciparono artisti, architetti e intellettuali: il collettivo Gruppo Austral.

Realizzato principalmente in acciaio e pelle e data la sua rilevanza, è persino un pezzo da museo.

Nel corso degli anni è stato rinnovato, aggiungendo nuovi elementi, ma mantiene sempre il suo stile classico.

Il suo processo è di solito fatto a mano ed è diventato un simbolo del design argentino.

Con i suoi caratteristici bordi arrotondati, la sedia BKF alla fine prevale per la sua autenticità e la sua splendida fattura.

Potrebbe piacerti anche:

Medai: l'arte di trasformare semplici sedie in sedie a dondolo

Clara Porset: la designer che ha rivoluzionato il Messico e le sedie

Gli Eames, la coppia che ha fatto la sedia in cui tutti ci siamo seduti

Immagine animata dell'animazione 'condividi la tua arte'
Non ci sono commenti

Invia un commento