Harry Bertoia e la sedia che gli hanno cambiato la vita

Mercoledì 27 novembre alle 12.14 GMT


Harry Bertoia e la sedia che gli hanno cambiato la vita


Harry Bertoia Era un artista multidisciplinare le cui preoccupazioni gli hanno fatto affrontare diversi aspetti, in cui ha lasciato uno stile chiaro.

È intervenuto pittura, scultura sonora, design di gioielli e mobili.

Arri Bertoia a è nato 10 marzo 1915 in Italia, ma all'età di 15 prese una decisione decisiva nella sua vita, trasferendosi a Detroit.

Lì ha studiato arte e design alla Cass Technical High School. Da quel momento in poi sarebbe stato conosciuto come Harry, una modifica dovuta al paese e alla lingua in cui si trovava.

Da quel momento avrebbe sperimentato diversi materiali e tecniche, i suoi talenti artistici erano innegabili.

Iniziò a fare gioielli e in seguito avrebbe tenuto seminari in quella zona, oltre che in metallurgia.

Le strutture sonore hanno goduto dell'interazione che ha coinvolto persone o vento.

Gli piaceva anche scrivere, quindi ha realizzato alcuni manoscritti orientati alla filosofia.

Ma in 1952 presenterebbe un oggetto che lo segnerebbe per sempre: La sedia di diamante

Realizzato in filo o acciaio, ha soddisfatto la funzionalità e allo stesso tempo giocato con la forma, il volume e lo spazio.

Un design che rimane in vigore fino ad oggi. Il successo dei mobili è stato travolgente.

Da quel momento in poi, è stato in grado di dedicarsi all'arte per il resto dei suoi giorni, in particolare alla scultura che è stata una delle sue passioni più profonde.

Il 6 di novembre di 1978 è morto e la sua famiglia ha continuato la sua eredità.

Potrebbe piacerti anche:

Sedia BKF: uno dei mobili più replicati della storia

Clara Porset: la designer che ha rivoluzionato il Messico e le sedie

Gli Eames, la coppia che ha fatto la sedia in cui tutti ci siamo seduti