Valerie Solanas: la femminista che non ha solo sparato ad Andy Warhol

Lunedì 03 giugno 14.40 GMT


Valerie Solanas: la femminista che non ha solo sparato ad Andy Warhol


Valerie Solanas ha subito abusi sessuali da suo padre fin dall'infanzia. In 1988, la donna che ha sparato all'artista Andy Warhol l'3 di giugno di 1968, morto nella solitudine come gran parte della sua vita, ma che gli ha anche portato a essere uno dei scrittori e portavoce più importanti del femminismo.

Con una dura adolescenza in cui ha avuto due figli, uno dei quali a causa dell'abuso di suo padre Louis Solanas, lo scrittore è fuggito dalla sua casa nel New Jersey, negli Stati Uniti. Ha vissuto nelle strade e si è prostituito, fino a quando la sua vita è cambiata radicalmente quando ha incontrato Warhol, che ha promesso di produrre il suo lavoro Su nel tuo culo, una critica al sessismo quotidiano, attraverso gli occhi di una prostituta che odia gli uomini.

L'artista di plastica non mantenne la sua promessa e Solanas non lo perdonò per essersi sentito imbrogliato. Quel giugno 3, e dopo averlo molestato al telefono, lo scrittore lesbico andò alla Fabbrica, dove incontrò Warhol nell'ascensore. Andarono insieme negli uffici, dove Tirò fuori un revolver e gli sparò tre colpi mentre parlava al telefono. L'ultimo proiettile ha attraversato il suo lato destro ed è uscito dalla sua sinistra.
L'autore di Manifesto SCUM, uno dei trattati femministi più intransigenti e controversi della storia, fu ricoverato in un ospedale psichiatrico di New York con una condanna a tre anni di reclusione. Warhol sopravvisse e non voleva testimoniare nel processo contro il suo aggressore.

Un manifesto con sfondo

La vita di Solanas è stata segnata dal tentato omicidio di Warhol e persino messa in dubbio sulla compassione che lo scrittore ha ricevuto rispetto ad altri scrittori e artisti maschi che hanno commesso atti violenti.

Ad esempio, il scrittore Chavisa Woods Ha paragonato Solanas a William Burroughs, che ha sparato e ucciso sua moglie mentre giocava con una mela e un fucile. Woods ha anche riferito i casi di Pablo Neruda, Charles Bukowski e Louis Althusser, tutte figure riconosciute e riverite che hanno commesso atti di violenza contro le donne. Tuttavia, non oscura il suo retaggio storico.

SCUM, ha segnato la storia del femminismo, il manifesto Society for Cutting Up Men, che letteralmente tradurrebbe come la società per tagliare gli uomini a pezzi, ha promosso la superiorità genetica delle donne e ha difeso l'estinzione degli uomini ad eccezione degli omosessuali.

A Solanas fu diagnosticata una schizofrenia paranoide dopo una sentenza di custodia di tre anni, durante la quale il suo grembo venne rimosso contro la sua volontà. Dopo anni di isolamento e solitudine, la femminista è morta ad aprile 25 1988 a San Francisco, negli anni 52, in un ente di beneficenza.