Artisti 5 dimenticati dalla storia che meritano un riconoscimento
10200
post-template-default,single,single-post,postid-10200,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,qode-news-2.0.1,qode-quick-links-2.0,aawp-custom,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Artisti 5 dimenticati dalla storia che meritano un riconoscimento

Renoir, Monet, Van Gogh, Picasso e Miró, sono solo alcuni dei nomi che spiccano nella storia dell'arte, ma che dire degli artisti dimenticati?

Tra ideologie ed epoche che davano per scontato che le donne dovessero dedicarsi esclusivamente alla famiglia, i grandi artisti sono stati cancellati dalla memoria.

Qui ti presentiamo 5 artisti dimenticati, che meritano anche un posto di rilievo nella storia:

Ende, il pittore di Dio

Considerato il primo pittore della storia, fine, era conosciuto come il pittore di dio nel 10 ° secolo

Lo spagnolo, considerato anche il primo illustratore dell'Europa, era caratterizzato dalla mescolanza di elementi di arte islamica e romanica.

La geometria, i colori vivaci e le figure stilizzate erano la sua priorità.

Il manoscritto di Commento all'Apocalisse di Beato de Liébana, compilato nell'anno 786, firmato come Ende pintrix et Dei aiutrix (Ende, pittore e servo di Dio).

Ildegarda di Bingen

Influencer del tardo medioevo, Ildegarda di Bingen, noto per i suoi doni letteratura, musica, scienza e pittura.

Il suo dono di profezia significava che era anche chiamato "la Sibilla del Reno" o "la profetessa teutonica". In 2012, Papa Benedetto XVI le ha conferito il titolo di Dottore della Chiesa.

Fin dall'infanzia, la suora benedettina tedesca ha avuto visioni, quindi nella sua età adulta ha iniziato un ampio compito di predicazione.

Tra i suoi libri ci sono Liber divinorum operum, avviato verso 1163 che raccoglie le sue abbondanti visioni.

Physica and Cause et cure e la sua collezione musicale intitolata Symphonia armonie celestium revelationum, sono altre delle sue grandi eredità.

L'artista è morto 17 di settembre di 1179, agli anni 81.

Sofonisba Anguisso

È uno dei pochi artisti che possono essere visti nel Museo del Prado. Tuttavia, molti non sanno che il vero autore di Felipe II o Isabel de ValoisNon era un uomo, ma l'italiano Sofonisba Anguisso.

Il gioco degli scacchi È uno dei pochi dipinti che hanno la loro rubrica, perché alle donne non è stato permesso di firmare le loro opere.

Alcuni più simili La signora con l'ermellino, continuano a generare polemiche, perché alcuni affermano che è opera del Greco.

Sofonisba raggiunse la fama in Italia e divenne uno dei pittori ritrattisti rinascimentali più importanti.

Michelangelo ha elogiato il suo lavoro Giorgo Vasari, che includeva nel suo dizionario le biografie di artisti 133, per lo più uomini.

Lavinia Fontana

Un altro ritrattista italiano di spicco fu Lavinia Fontana.

Questa donna divenne la pittrice ufficiale della corte di papa Clemente VIII.

Lavinia, nata in 1552, è stata anche considerata la prima artista professionista femminile a far pagare il lavoro.

Pioniere di foto di nudo - qualcosa di inedito per una donna del tempo -, ha avuto figli 11 e è morta in 1614.

Uno degli espositori più riconosciuti di Rinascimento e barocco.

Judith Leyster

Essere la figlia di un birraio non le ha impedito di diventare uno dei due soli pittori ad unirsi alla gilda dei pittori di Haarlem a 1633.

Nato a 1609 nei Paesi Bassi, Judith Leyster è stato influenzato da Rembrandt, Vermeer e Frans Hals, il tuo insegnante.

Anni di errata attribuzione mantennero il suo nome sconosciuto fino alla fine del XIX secolo.

gioco di scacchi sofonisba anguissola
ritratto di lavinia fontana
autoritratto Judith Leyster
Immagine animata dell'animazione 'condividi la tua arte'
Non ci sono commenti

Invia un commento