Sol Lewitt: il genio minimalista che ha dettato i suoi murales a distanza

Lunedì 29 luglio 01.37 GMT


Sol Lewitt: il genio minimalista che ha dettato i suoi murales a distanza


I disegni murales "distanza" da Sol LeWitt Sono un punto di riferimento del minimalismo e dell'arte concettuale.

Esperto di pittura, disegno, fotografia e struttura, ha creato quasi mille disegni 300 di pareti esposte in tutto il mondo.

Come se fosse il direttore d'orchestra, l'americano ha sviluppato un metodo di lavoro insolito.

Innanzitutto, Solomon ha ricevuto i piani degli spazi in cui avrebbe esposto e pensato a un progetto su misura per il luogo.

Quindi ha inviato i suoi assistenti a musei o gallerie con gli schemi e le istruzioni Per eseguire i muri.

Il piano era così delicato e strutturato che indicava anche dimensioni, colori, segni di vernice e dimensioni del pennello.
L'artista ha sempre incaricato gli artisti di applicare con cura la vernice. Il requisito era rendere impercettibili le pennellate a mano.

In 1968 è stata l'unica volta in cui Lewitt ha realizzato un murale la galleria Paula Cooper a New York.

Le forme geometriche, i colori, le sequenze e i cubi disegnati da lui sono così moderni nonostante abbiano origine negli anni 60.

Un massimo del minimalismo che trascende il tempo e che con più di 40 anni di carriera.