Maschere per il coronavirus, di Max Siedentopf

Venerdì 28 febbraio 13.37 GMT

Max Siedentopf È un designer tedesco-namibiano che ha recentemente presentato la serie: Come sopravvivere a un virus globale mortale.

Chiaramente influenzato da ciò che sta accadendo a livello globale a causa del coronavirus, che è iniziato nel Cina e ora si è diffuso in tutto il mondo fino a raggiungere il Città del Messico con un caso confermato questo venerdì.

Presenta 12 immagini che mostrano i volti di persone diverse coperte da maschere.

Tuttavia, non sono i più comuni poiché sono fatti di oggetti di uso quotidiano come conchiglie, borse, tennis o biancheria intima.

C'è un altro messaggio nel progetto, la grande richiesta che esiste a livello internazionale per questi oggetti per prevenire la diffusione del virus.

E il fatto che parte della popolazione non li ottenga sta facendo lo stesso con le maschere fatte in casa.

Le fotografie sono inquietanti e dal suo lancio molti hanno mostrato il loro disaccordo con il lavoro perché è considerato insensibile e offensivo.

L'artista londinese si è scusato pubblicamente, ma ha affermato che non era sua intenzione, quindi si aspetta che il suo aspetto critico sia interpretato in modo diverso.

Potrebbe piacerti anche:

Il dolore trasformato in forza, dall'obiettivo di Keyezua

Al Mefer: il fotografo che realizza immagini spaziali e oniriche

Le maestose cartoline sulla cultura indù di Tarun Chopra