L'immagine della resistenza: l'arte nei movimenti sociali

Martedì 15 ottobre 12.41 GMT


L'immagine della resistenza: l'arte nei movimenti sociali


In diversi formati, in diversi momenti della storia, l'arte e gli artisti non rimangono indifferenti ai cambiamenti sociali.

Uno degli esempi storici più riconoscibili è La libertà guida il popolo de Eugène Delacroix, che racchiude in sé uno spirito del tempo e una lotta di classe.

Ma a livello di strada troviamo immagini effimere su poster e volantini.

Tutti i movimenti sociali di resistenza hanno nelle loro storie la ricerca e la distruzione di macchine da stampa di materiale compromettente.

Uno degli esempi più rappresentativi è quello del gruppo rivoluzionario di Black Panthers.

Hanno avuto Emory Douglas come la spina dorsale della tua grafica immaginaria.

Grafica e performance di strada

In Messico, l'arte grafica di protesta può trovare radici nell'opera di José Guadalupe Posada.

Ma le sue manifestazioni più forti sono con gruppi come il TGP o Popular Graphic Workshop.

Y nei movimenti studenteschi di 1968manifesti e volantini con una forte identità visiva hanno invaso le strade di Città del Messico.

Uno dei suoi rappresentanti più identificabili era l'incisore Adolfo Mexiac, recentemente deceduto.
In Cile, alla fine degli anni settanta il OGNI collettivo Ha occupato le strade e gli spazi attraverso le esibizioni.

Con azioni specifiche per luoghi come fabbriche, piazze e musei, OGNI ha messo in dubbio l'oppressione del regime e delle autorità cilene.

Da stampe e dipinti a meme e social network

Oggi l'idea è quella di condividere e trasmettere informazioni il più rapidamente possibile.

Ma la necessità o il desiderio che l'immagine sia simbolicamente e visivamente forte non viene abbandonato.

Nel Proteste di Hong Kong Negli ultimi mesi, abbiamo visto come si moltiplicano le immagini condivise da media come Telegram.

Si generano immaginari, si condividono date e orari, si creano mitologie da meme ed eroi di strada.
Un altro caso recente è l'occupazione del Rockefeller Center di New York.

Questo l'ha resa Jenny Holzer con una delle sue proiezioni leggere.

In memoria delle vittime uccise dalle armi da fuoco, il loro pezzo VEGLIA È stato proiettato per quattro giorni.

Comprendeva testi di sopravvissuti, parenti delle vittime e poesie sull'argomento.

Come abbiamo visto, artisti e creatori usano i loro strumenti.

E così ci mostrano come occupare gli spazi, appropriarli e protestare.

Ci insegnano come trasmettere messaggi e far smettere di essere indifferenti ai nostri occhi.

Se sei interessato a leggere di più:

L'arte delle Pantere Nere che rappresentava il movimento politico

Musica e lotta, Nina Simone con le sue stesse parole

Lotta e resistenza: la folle storia dell'afro