L'arte delle Pantere Nere che rappresentava il movimento politico

Martedì 28 maggio 22.31 GMT


L'arte delle Pantere Nere che rappresentava il movimento politico


Il movimento delle Pantere Nere è stato uno degli atti più importanti nella lotta per i diritti civili. Sebbene diventassero un partito politico, l'arte era sempre presente. Dedicato alla carità e alla giustizia sociale, le pantere nere sostenevano l'uguaglianza nei diritti e nelle condizioni.

Come quasi ogni movimento sociale, è stata presentata l'arte come mezzo di diffusione e ridefinizionee. In questo, troviamo un fumettista che si è dedicato a fare opuscoli e caricature degli ufficiali. Inoltre, abbiamo la musica, sempre il protagonista delle lotte in tutto il mondo.

Emory Douglas

L'arte dell'ex Ministro della Cultura del Black Panther Party, Emory Douglas, era una costante nel quotidiano The Black Panther.

Il suo lavoro artistico era aggressivo, completo e chiaro come l'acqua. Ha mostrato uomini e donne di origine africana. Queste persone hanno combattuto per difendere se stessi e le loro comunità. Di solito maiali e cinghiali, che non erano altro che funzionari personificati.

Il suo lavoro raramente aveva bisogno di un titolo, come le vignette dei giornali di oggi, l'arte parlava da sola. Inoltre, era un'arte rivoluzionaria, controversa, "arte nera" e, il più delle volte, arte proletaria e, ovviamente, marginale. Indubbiamente, un'espressione artistica stilizzata e idealistica.

ancora, Emory Douglas ha faticato a rappresentare le persone nel ghetto, le sorelle con le trecce, le maniche logore e le scarpe consumate. E, naturalmente, immagini crude con vignette e illustrazioni. Per la propaganda della festa della Pantera Nera, ha realizzato poster, striscioni, distintivi, album, adesivi e volantini.

La musica nelle pantere nere

Nella seconda metà degli anni sessanta, la musica afro-americana fu rivoluzionata in ogni modo. L'anima si è evoluta in funk, il jazz ha sperimentato la radicalizzazione del libero. Politicamente, le mobilitazioni non violente del Dr. Martin Luther King hanno perso terreno per la forza delle Black Panthers e di gruppi simili.

Ecco perché troviamo artisti in questo periodo e. da Otis Redding facendo la sua versione di Un cambiamento sarà comUn inno al movimento per i diritti civili, alla cruda affermazione della negritudine che James Brown ha lanciato a 1968.

Persino il Black Panthers Party aveva la sua sezione musicale, con il gruppo The Lumpen e il vocalista Elaine Brown. La sua retorica si infiltrò anche negli artisti mainstream, dai gruppi disciplinati di Motown ai cantanti arrabbiati come Nina Simone o Marlena Shaw.

Inoltre, in quegli anni, la voce nera era al centro dell'attenzione. Tutte le figure della ribellione nera, da Malcolm X a Martin Luther King, hanno registrato gli LP con i loro discorsi. Persino molti poeti hanno preso i microfoni, prima con la batteria delle percussioni e poi con gli accompagnamenti più convenzionali. I suoi recital, naturalmente, sono stati trasformati in canzoni, come è successo con il geniale Gil Scott-Heron. O come dimenticare Dare più potere alle persone; un altro inno delle Black Panthers.