Tishk Barzanji, il fisico che ha trasformato la sua ansia in arte
8111
post-template-default,single,single-post,postid-8111,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,qode-news-2.0.1,qode-quick-links-2.0,aawp-custom,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-18.1,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.2,vc_responsive

Tishk Barzanji, il fisico che ha trasformato la sua ansia in arte

Immagina di vivere in vari mondi surreali dove l'architettura moderna è l'elemento che plasma spazi e strutture complessi e belli.

Questo è il lavoro dell'artista kurdo Tishk Barzanji. Un fisico che è venuto nel mondo dell'arte digitale e dell'illustrazione attraverso l'ansia.

Nato in Kurdistan, è cresciuto a Londra e ha studiato fisica all'Università di Loughborough. Tuttavia, ha iniziato a disegnare dopo aver sperimentato ansia ed emicrania.

"Ho deciso di fare un passo indietro e rivalutare le mie ambizioni e passioni. Così sono tornato alle origini e ho esplorato la mia passione per l'arte documentando "

"Ha iniziato a essere puramente terapeutico, ma ha notato più bellezza nel mondo. Ha suscitato il mio interesse e la mia curiosità nella ricerca di una carriera creativa ".

L'arte come percorso terapeutico

Barzanji ha lavorato per Jelly London, Wallpaper e American Express.

Ha anche creato il poster per la stagione dello schermo estivo di Film4 a Somerset House.

La sua ispirazione per creare i mondi surreali sono la natura e il mondo fisico.

Per prima cosa disegna, crea lo scheletro. Quindi crea i colori dello sfondo con l'acquerello. Successivamente, esegue la scansione e le modifica digitalmente.

Con questo, crea illustrazioni surreali e cinematografiche di paesaggi e interni fittizi.

I colori dei loro mondi surreali sono pastello, ma il sottotesto è più scuro di ciò che l'estetica trasmette.

Mentre i colori pastello sono i protagonisti, lo sono anche il verde e il rosso.

Il primo piano nella maggior parte delle sue opere è dominato da pareti, scale in stile Escher e architettura impossibile.

L'artista e il fisico basa la sua opera in determinati momenti e periodi della sua vita.

"Un paio di anni fa, la mia ansia era molto forte, non potevo lasciare la mia casa e non potevo connettermi con le persone.

Ho visto la mia vita muoversi davanti ai miei occhi "

"Gran parte del mio lavoro è legato a questo. Volevo mostrare il lato umano dell'isolamento e dell'ansia "

Artista digitale di spazi da sogno

Da quando ha superato questo, ha sviluppato un interesse per il design spaziale e il modo in cui le persone interagiscono con lo spazio che le circonda.

Inoltre, conclude che le forme delle strutture influenzano il modo in cui le persone si muovono.

Grazie a ciò, crea mondi surreali dove non ci sono limiti per spazio e colore. Tutto si scontra con il libero arbitrio.

Ricardo Bofill ha una grande influenza nel tuo lavoro a causa del modo in cui usi lo spazio. Inoltre, i riferimenti che egli fa alla storia antica.

È anche influenzato dal movimento De Stijl, in particolare da Mondrian, e dai colori di Ken Price.

Anche se curdo, il brutalismo dell'architettura londinese è anche una delle sue principali influenze.

L'utopia è una parola chiave nella sua arte. I mondi surreali che compone sono anche spazi organici.

Tutto ha a che fare con la connessione del tempo e dello spazio fisico, digitale e virtuale.

A peggiorare le cose, Tishk Barzanji è avanti ed è convinto, che i loro mondi surreali possano anche, con la tecnologia, diventare realtà.

Immagine animata dell'animazione 'condividi la tua arte'
Non ci sono commenti

Invia un commento