Nacho Bernal e i suoi graffiti scendono in strada per trasformarli in musei


Nacho Bernal e i suoi graffiti scendono in strada per trasformarli in musei


Ignacio Bernal Tejeda, meglio conosciuto nel mondo dell'arte come Nacho Bernal, esegue magnifici murales che rivelano belle immagini.

Il creatore di Morelia ha avuto un primo approccio verso grafiti in 2006, e da allora si è innamorato di quel mezzo.

Con ovvio influenza preispanicaE lampi di attualità, Bernal prende le strade come musei per esporre le sue opere.

La street art è diventata una parte fondamentale della sua vita. E può essere visto in luoghi come Michoacán, Città del Messico, Cancun e persino Los Angeles.

È consapevole dell'effimero dei suoi pezzi, ma ciò non gli impedisce di traboccare ancora e ancora la sua creatività.

L'artista e l'illustratore gioca con una tavolozza di colori vivaci e porta con orgoglio le sue radici messicane in tutto il mondo.

 

Potrebbe piacerti anche:

Irving Cano, lo Zapotec che cerca di salvare la sua cultura attraverso i graffiti

Condividi la tua arte: murales selvaggi e divertenti di Pablo Melchum

Seth Globepainter: quando l'arte è un gioco da ragazzi