La storia del collage: un'espressione contro l'arte tradizionale

Giovedì 30 maggio 23.36 GMT



La storia del collage: un'espressione contro l'arte tradizionale

La storia del collage è piena di sfumature e bei momenti. Questa espressione artistica si è evoluta nel corso degli anni, nella sua composizione e nelle sue forme. Oltre il campo dell'arte ufficiale, ci sono illustratori attuali che usano questo metodo ottenendo ottimi risultati. Inoltre, la differenza tra analogico e digitale, ha fatto migliorare il suo aspetto artistico. Sebbene alcune persone lo considerino un'espressione che non corrisponde all'arte, altri mantengono un'opinione diversa.

Ci sono artisti e critici che disprezzano il collage. Quasi sempre, mantengono l'idea che l'autore utilizzi il lavoro degli altri per nascondere la loro mancanza di capacità. Anche un povero talento e creatività. Sebbene Picasso sia uno dei creatori di questo mezzo, sembra che non sia un argomento sostenibile.

Il collage esisteva prima che fosse nominato

Indipendentemente dalla storia del collage, possiamo definirlo come una tecnica usata per produrre arte che usa l'assemblaggio di parti differenti. Tutti quei "pezzi" incarnano per costruire un nuovo lavoro artistico. Nella pittura, un collage può essere composto da fotografie, legno, pelle, giornali, riviste e oggetti di uso quotidiano.

Un fatto curioso è quello le prime opere con collage risalgono ai calligrafi giapponesi del X secolo. Questi, usati tagli di tessuti e carte per fare un fondo su cui in seguito scrissero le loro poesie.

Inoltre, nel corso della storia vediamo l'uso del collage in diverse situazioni e tempi. Ad esempio, durante il Medioevo, i materiali erano incollati sulle illustrazioni religiose per migliorare le figure rappresentate.

Nonostante questi esempi, il collage era una tecnica decorativa utilizzata in background. Fu fino al ventesimo secolo, quando il collage arrivò a prendere quel nome e divenne una tecnica artistica da solo.

Contro lo status quo dell'arte

Il termine collage deriva dal coller francese, che significa "attaccare" ed è stato coniato da Pablo Picasso e Georges Braque. Per questo motivo, all'inizio del XX secolo divenne una parte importante dell'arte moderna.

ancora, si ritiene che sia stato Picasso a inventare il collage in 1912 con la sua pittura Natura morta con sedia a griglia. Tuttavia, si dice che Georges Braque abbia già usato collage negli schizzi. Il primo aveva incollato le fotografie ai suoi disegni fin da 1899, e nella primavera di 1912 ha incorporato la gomma a forma di griglia al suo dipinto Still Life with Grid Chair.

È venuto per restare

L'importanza del collage sta nell'emergere delle avanguardie artistiche del ventesimo secolo. L'Europa ha vissuto una profonda crisi che avrebbe portato alla prima guerra mondiale. Il capitalismo ha mostrato i suoi limiti e la povertà economica e intellettuale ha diretto la società. Pertanto, lGli artisti d'avanguardia hanno proposto di rompere con tutto ciò che è vecchio. Inoltre, hanno sostenuto la creazione di un nuovo sistema di valori e una nuova società.

Con ciò sorgono diversi ismi. Futurismo, dadaismo, cubismo, costruttivismo, ultraismo, surrealismo, suprematismo, rayonismo. E la ribellione era una denominazione latente. E l'integrazione dei materiali all'interno della tela ha prodotto una rivoluzione nel concetto di pittura.

Sebbene alcuni artisti resistessero a questa nuova espressione, divenne una delle bandiere di molte correnti come l'arte russa. O surrealismo. Ed è fino ad oggi che il collage è presente nel nostro giorno. La storia del collage non è lontana da quella di molte espressioni artistiche, sempre contro le forme tradizionali e in attesa del contesto.