La scultura schietta e cubista di Ossip Zadkine

Lunedì 02 dicembre 13.57 GMT


La scultura schietta e cubista di Ossip Zadkine


Ossip Zadkine era uno dei scultori il più importante del suo tempo e sicuramente anche uno dei più interessanti.

È nato a 4 luglio 1890 a Vitebsk, in Bielorussia, allora parte dell'Impero russo.

Il suo vero nome era Yossel Aronovich Tsadkin, anche se in seguito ne incontrò un altro nel campo di plastica.

Per 1905, la sua famiglia lo ha mandato a Sunderland, in Inghilterra, perché volevano imparare l'inglese. Tuttavia, il giovane era più interessato a un'altra area e iniziò a frequentare corsi di arte.

Inizialmente, il suo lavoro era semplice e generalmente lavorava nella scultura diretta di legno o pietra

Le influenze più forti di Zadkine furono il romanticismo e le opere primitive, ma in seguito acquisì il suo stile e fu considerato un membro del cubismo.

Intorno a 1925 ha iniziato a sciogliersi bronzo ed esplora con questo materiale.

Sebbene scultura era la sua principale forma di espressione ha anche pezzi in pittura, disegno e grafica.

Tra i suoi contemporanei c'erano Apollinaire, Brancusi, Oleksandr Arjípenko, Jacques Lipchitz e Picasso.

In 1950 ha vinto il premio di scultura alla Biennale di Venezia.

L'artista è morto in 1967 e ad oggi è uno dei grandi del suo paese.

Potrebbe piacerti anche:

Henry Moore: un punto culminante della scultura, dell'astratto e dell'audacia

Le sculture enigmatiche e minimaliste di Charles Ray

Le sculture realizzate con mosaici di Zhanna Kadyrova