I luoghi che hanno ispirato le opere di Vincent van Gogh
8258
post-template-default,single,single-post,postid-8258,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,qode-news-2.0.1,qode-quick-links-2.0,aawp-custom,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

I luoghi che hanno ispirato le opere di Vincent van Gogh

Van Gogh stava attraversando una vita turbolenta e irrequieta. Fin da giovane ha cercato l'ispirazione artistica e un ambiente che gli calmasse i nervi. "Mi sembra sempre di essere un viaggiatore che va da qualche parte e verso una destinazione ", scrisse a suo fratello, Theo, in agosto di 1888.

Ha vissuto in più di 15 diverse città in tutta Europa. Ogni luogo ha influenzato profondamente la vita e il lavoro del più grande esponente del post-impressionismo.

Vivere con Vincent van Gogh: le case e i paesaggi che hanno plasmato l'artista È un libro del curatore Martin Bailey. In questo testo, Bailey attraversa i luoghi più emblematici che l'artista ha attraversato nella vita. Che, servito come ispirazione per tradurre nei suoi dipinti e fare questi, ritratti colorati.

Qui vi mostriamo tre luoghi che Van Gogh ha catturato nelle sue tele e sviluppato i suoi dipinti unici, febbrili e affascinanti.

Parigi, Francia

Dicono che Parigi si innamora, anche se per Van Gogh era una città piena di amore e di tentazioni pericolose. Nella capitale francese, l'olandese è rimasto due anni. Ha risieduto tra febbraio di 1886 e febbraio di 1888.

Lì, è stato presentato all'impressionismo per la prima volta. Ha studiato con il famoso pittore Fernand Cormon, i cui studenti hanno incluso Henri de Toulouse-Lautrec ed Emile Bernard.

Tuttavia, la vera educazione di Van Gogh arrivò attraverso gli artisti con cui si strusciava i gomiti. Toulouse-Lautrec e Bernard sono diventati suoi amici. Ha incontrato Paul Gauguin e per un periodo ha vissuto nella strada in cui visse Auguste Renoir

In questo periodo, due autoritratti hanno visto la luce. Autoritratto con cappello di feltro nero (1887), che consiste in una tavolozza scura e una pennellata tradizionale e stretta.

D'altra parte, con una tecnica avanzata e molto più lucido; Autoritratto con cappello di feltro grigio (1887), pieno di movimenti e colori pronunciati con luci brillanti.

Arles, Francia

Mentre la città della luce era stata una scenografia artisticamente feconda per Van Gogh, lo ha anche esposto a pressioni e crisi d'ansia. Inoltre, il costo della vita a Parigi era così alto che il post-impressionista si trasferì ad Arles a febbraio di 1888.

"Ho lasciato Parigi molto, molto turbata, piuttosto malata e quasi alcolica" Van Gogh ha scritto più tardi.

Arles era una città pittoresca e colorata, circondata da fertili uliveti, frutteti, vigneti e campi di grano della campagna provenzale. Inoltre, ettari pieni di girasoli e un posto vicino al mare.

Grazie agli abbondanti e diversificati stimoli pittorici, Van Gogh ha realizzato dipinti su 200. Tele simili Vendemmia in Provenza, Il seminatore y The Red Vineyard loro lo mostrano

Qui vorrei vivere un totale di 15 mesi; in quel momento, la tavolozza delle tonalità del pittore aumentò e i colori vibranti divennero ancora più presenti nell'arte di Van Gogh.

campo con il sole

Saint-Paul-de-Mausole, Saint-Rémy-de-Provence, Francia

Dopo una serie di interruzioni mentali ad Arles, Van Gogh entrò volontariamente nel manicomio di Saint-Paul-de-Mausole.

"Si sentono continuamente urla e urla terribili come se fossero animali in una collezione di animali", ha scritto sull'ambiente. Ma il paesaggio circostante era incredibilmente bello e offriva sia una tregua emotiva che foraggi artistici.

La finestra della stanza di Van Gogh incorniciava una scena che avrebbe dipinto quasi 15 volte. Erano campi ondulati pieni di ulivi e cipressi, delimitati dalle montagne di Les Alpilles.

Sebbene fosse un manicomio, non era una prigione, a Van Gogh fu permesso di camminare attraverso la campagna circostante e le città rurali. Fu probabilmente una di quelle occasioni che ispirò il suo dipinto più famoso: La notte stellata (1889).

L'opera mostra un cielo scuro e turbolento, intercettato da una luna luminosa e stelle luminose.

Come sottolinea l'autore Bailey, questo dipinto riflette lo stato mentale turbolento e torturato di Van Gogh. Allo stesso tempo, la sua forza e capacità di recupero.

lavoro di van gogh
Immagine animata dell'animazione 'condividi la tua arte'
Non ci sono commenti

Invia un commento