Gian Lorenzo Bernini e le sue sculture che potrebbero quasi essere vive

Martedì 26 febbraio 17.44 GMT


Gian Lorenzo Bernini e le sue sculture che potrebbero quasi essere vive


Nel XIV secolo, durante il pieno splendore di barocco italiano, un uomo era molto vicino alla perfezione artistica.

Così grande è stato il suo dono che i suoi contemporanei lo hanno chiamato l'architetto di Dio.

parliamo Gian Lorenzo Bernini, il responsabile della progettazione Basilica di San Pietro in Vaticano e che ha dato vita a un gran numero di immagini religiose e mitologiche.

Alcuni esperti dicono che la sua più grande qualità era quella di creare sculture sembravano avere la vita. Il dettaglio realistico con chi ha scolpito volti, la pelle e i movimenti dei suoi personaggi era semplicemente divino.
Un'altra delle sue sculture iconiche è Il rapimento di Proserpinain questo pezzo puoi vedere la capacità di Bernini di trasformare la pietra in carne.

Un altro fatto sorprendente è che Bernini ha finito questo pezzo quando aveva solo 23 anni.

In esso, il dio Plutone affondare le mani nel corpo della fanciulla, mentre lei si getta all'indietro per respingerlo e chiedere aiuto.

Il dettaglio del viso Plutone sembra deformato dalla forza che la mano della giovane donna esercita quando lo spinge, mentre i muscoli di lei loro si contraggono a causa della forza del rifiuto.
Apollo e Dafne È un'altra delle sue opere più riconosciute. La scultura gela proprio nel momento del Dafne trasformazione in albero. Le sue braccia diventano rami e un tronco cresce sui suoi piedi, come dice il mito.

Oltre ad essere un artista unico, Bernini aveva buoni mecenati. Ha dipinto diversi ritratti di papi e re che gli hanno dato fama e ricchezza e gli ha permesso di continuare a creare.