Donne artiste che riflettono e combattono la storia della storia

Lunedì 01 aprile 17.58 GMT


Donne artiste che riflettono e combattono la storia della storia


Nella storia dell'arte, ci sono poche registrazioni di donne artiste.

Il suo ruolo in questo campo è stato e continua ad essere ridotto a causa del sistema patriarcale che permea tutti gli estratti della vita.

Fu all'1975, quando l'Assemblea Generale delle Nazioni Unite dichiarò 8 di marzo come la Giornata internazionale della donna.

Questo fatto ha simbolicamente segnato il polso di una rivoluzione che non finisce mai.

Un risveglio nella scienza, nella tecnologia, nella sociologia e nelle espressioni artistiche.

Dal duro lavoro di documentare quelle donne artisti dimenticate nella storia, per aprire nuovi spazi all'emergere.

In America Latina, le artiste hanno rivendicato e affermato i loro desideri, aspirazioni, preoccupazioni e pensieri.

Attraverso l'arte, fanno una rivoluzione riflessiva e combattiva della storia della storia.
Il Museo Nazionale di Arti Visive dell'Uruguay ha fatto una costante commemorazione della sua lotta negli ultimi anni.

Soprattutto, ha sostenuto lo sforzo ed esposto le donne locali, artisti uruguaiani.

Irreverentes - Artisti femminili nell'acquis del Museo Nazionale di Arti Visive È il nome della mostra a cura di María Eugenia Grau.

Varie prospettive e tecniche, olio, incisioni, fotografia, sono presenti e servono come riflesso del mondo artistico attuale visto dalle donne.

La mostra offre non solo il lavoro di creatori nazionali, ma anche di quelli internazionali.

Qui presentiamo il lavoro di cinque donne artiste di diverse nazionalità che dovresti iniziare a conoscere.

Gladys Famous

Uruguaya. Artista, flauto dolce e poeta

Sebbene sia riconosciuto per le sue incisioni, Afamado lavora anche con altre tecniche e materiali.

Ceramiche, tessuti, collage, fabbricazione di carta, tecniche digitali, interventi su rocce, oggetti, poesia.

Gran parte del suo lavoro è un'estetica del riciclaggio.

Nel suo poema, si avvicina ai suoi ricordi con tocchi di ironia. Si concentra sulla figura femminile e sulla psiche.

Inoltre, il tempo e la fusione tra le sue opere sono una costante.

Sonia Delaunay

Ucraino. Dopo il francese Pittore e designer

Era una figura chiave dell'astrattismo. Ha intrapreso un'avventura artistica basata sui contrasti di colore e sulla dissoluzione della forma attraverso la luce.

Dipinti, disegni di moda e tessuti erano le sue creazioni.

Nel 1924, partecipò a un atto a favore dei rifugiati russi, dove presentò la "moda del futuro".

Erano manichini vestiti con i loro disegni e accompagnati da una poesia di Joseph Delteil.

Questo nuovo successo l'ha portata a collaborare con lo stilista Jacques Heim, con il quale ha aperto il Atelier simultané, momento in cui ha creato i suoi primi cappotti ricamati.

I suoi progetti hanno segnato un ampio concetto di modernità portato alla vita di tutti i giorni.

Si è anche avventurato nel cinema. Ha disegnato i costumi dei film Le P'tit Parigot de LeSomptier e Vertige di Marcel de L'Herbier.

María Freiré

Uruguaya. Pittore e scultore

Formata nel Círculo de Bellas Artes di Montevideo, ha avuto una grande influenza sull'arte concreta del suo paese.

Cominciò a esplorare l'universo della modernità attraverso maschere africane e pezzi precolombiani.

Da 1946 dilettato nell'astrazione con la tendenza planista e geometrica.

Inoltre, ha realizzato sculture mobili con materiali non convenzionali.

Si innamorò di José Pedro Costigliolo e condividevano laboratori di creazione e viaggi di studio. Insieme hanno creato il gruppo di arte non figurativa.

Linda Kohen

Italiana. Pintora

I suoi dipinti sono intimi, portano un tono quasi autobiografico, numerosi autoritratti soggettivi in ​​cui la loro gonna, le loro mani o le loro gambe sono protagoniste.

Kohen riflette la sua immagine negli specchi con continuità. Dettagli al plasma della tua casa e oggetti di uso quotidiano.

Tutti offrono una visione soggettiva della realtà immediata dell'artista.

Quando dipinge paesaggi, lo fa dalla sua finestra, e mantiene il riferimento, come un modo per suggerire la scala della stessa e per sottolineare il suo aspetto.

Il suo lavoro è sereno, invita all'introspezione, con una tavolozza ovattata e una composizione spogliata.

Gli esperti mettono in relazione il loro lavoro con la natura metafisica dell'opera di Giorgio Morandi.

Ana Mercedes Hoyos

Colombiana. Pittore e scultore

Ha iniziato a esibirsi a 1966.

Ha vinto il primo premio nel XXVII Salone Nazionale degli Artisti della Colombia con la serie Di Windows.

Questa serie si è evoluta verso dipinti più astratti, che l'artista chiama atmosfere.

Queste atmosfere sono superfici molto chiare, generalmente vicine al bianco, con variazioni tonali quasi impercettibili.

Da 1987 ha realizzato una serie di opere figurative con motivi nazionali, partendo dai piatti dei venditori di frutta di Cartagena.

Ha anche realizzato alcune opere tridimensionali: sculture in cemento, Finestra (1975) y girasole (1984); e servizi come Fiori di lutto.

Questa mostra di donne artiste, è stata inaugurata a marzo 8 e sarà aperta fino a maggio 26.