Corpo, spirito e memoria nell'opera di Jaume Plensa

Lunedì 25 novembre 14.24 GMT


Corpo, spirito e memoria nell'opera di Jaume Plensa


Jaume Plensa È un artista le cui opere hanno un significato profondo.

Quello nato a Barcellona in 1955 è principalmente scultore, ma si è anche avvicinato all'incisione, al disegno, al suono, al video e allo scenario.

Gli piace sviluppare progetti in cui lo spazio e il volume sono ugualmente protagonisti.

Ha studiato alla Scuola di Belle Arti Sant Jordi e da allora il suo stile unico ha innescato la proiezione internazionale dell'autore.

Puoi modellare il ferro Con la tecnica del casting, esegui tagli e pieghe che regalano il pezzo di emozione.

Allo stesso modo impiega cristallo, resina, luci e suonoQualsiasi materiale è buono purché trasmetta ciò che vuole Plensa.

La sua arte esplora la condizione dell'essere, dell'infanzia, della femminilità e persino analizza ciò che i muri della società rappresentano.

Le stesse offerte sculture di figure umane rispetto ad altre, piuttosto astratte. Sicuramente lo conosci da quelli in cui costruisce corpi con lettere o numeri.

Il suo lavoro ha un'essenza fisica, ma anche spirituale.

Occasionalmente ci vogliono luoghi pubblici per avere più portata tra le persone.

Quindi, se sei a Città del Messico, approfitta e visita il MUNAL, dove si trova uno dei suoi pezzi più iconici: Dietro le mura, fino al 23 di febbraio di 2020.

 

Potrebbe piacerti anche:

Le sculture enigmatiche e minimaliste di Charles Ray

L'obiettivo di Sebastian Weiss che trasforma gli edifici in sculture

Henry Moore: un punto culminante della scultura, dell'astratto e dell'audacia