3 artisti iperrealisti che si prendono il disturbo con le loro sculture e dipinti
8164
post-template-default,single,single-post,postid-8164,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,qode-news-2.0.1,qode-quick-links-2.0,aawp-custom,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

3 artisti iperrealisti che si prendono il disturbo con le loro sculture e dipinti

Gli artisti iperrealisti contemporanei spesso usano ragazze, ragazzi e anziani per plasmare il loro lavoro.

El l'iperrealismo è un movimento pittorico emerso nel decennio dell'60, le cui tecniche aspirano a una precisione quasi fotografica.

Inoltre, cerca di mantenere nel dipinto la connessione con la visione fotografica dell'inquadratura e la traduzione fedele della scena.

Pertanto, i soggetti sono rappresentati con precisione meticolosa nei dettagli. Grazie a questo, è possibile identificare il virtuosismo tecnico, che supera l'occhio fotografico.

Tezi Gabunia

È un artista georgiano di cui La metodologia è chiamata "falsificazione" e crea una riflessione sulle caratteristiche di base del mondo contemporaneo.

A 2011 ha aperto il suo studio e ha prodotto più di cento dipinti, poiché ha industrializzato il processo di creazione artistica.

Pertanto, pubblica una nuova produzione su Internet ogni due settimane.

Il progetto interattivo consiste in copie esatte in miniatura di spazi espositivi di famosi musei e gallerie.

Il concetto di falsificazione è presente quando si presenta una falsa mostra e si ridimensionano gli spazi e si creano mostre che non esistono.

Le persone sono incoraggiate a mettere la testa dentro i modelli in scala in cui viene scattata una fotografia.

Il supporto tecnico principale utilizzato durante la produzione dei modelli sono materiali in PVC, plexiglas, carta legno e colla.

Ron Mueck

Distinto nel campo dell'arte contemporanea dal verosimiglianza e realismo che caratterizzano le sue opere.

Ron Mueck è uno degli artisti iperrealisti che esplora la rappresentazione figurativa come una risorsa per ridurre o aumentare la scala dei suoi modelli.

Solitamente presenta sculture realizzate in tecnica mista con materiali come silicone, fibra di vetro e acrilico.

Con questo, sfrutta la sua maestria di anatomia e il suo talento per far detonare, prima di questi esseri immutabili, esclamazioni e riflessioni.

Inoltre, evidenzia la linea delicata tra il limite della realtà e l'artificio. Tra il rivelato e il nascosto. E il legame palpabile che unisce presenza e assenza.

Con le sue opere su larga scala cerca di ricreare la grandezza delle emozioni in relazione al corpo.

ancora, evidenzia i dettagli più minuti, dalla pigmentazione della pelle, rughe, peli e espressioni facciali.

Gottfried Helnwein

Gottfried Helnwein è un artista visivo austriaco-irlandese. Lavoro come pittore, disegnatore, fotografo, muralista, scultore e artista installazione e performance.

Usa un'ampia varietà di tecniche e media.

Helnwein Si occupa principalmente di ansia psicologica e sociologica, questioni storiche e questioni politiche.

Di conseguenza, il suo lavoro è spesso considerato provocatorio e controverso. Per questo motivo, è stato ritirato da alcuni paesi o è stato proibito esibirli.

I suoi dipinti attraversano il confine tra l'inquietante e il bello, ma sono sempre provocatori.

Il suo lavoro ruota solitamente attorno alla violenza e ai bambini.

Inoltre, fa continue proteste contro i cartoni creati dagli Stati Uniti per "ipnotizzare" il pubblico.

Questi artisti iperrealisti esplorano la complessità umana e confondono il nostro sguardo tra il vero, l'orso immaginario e ciò che potremmo solo vedere o toccare.

Immagine animata dell'animazione 'condividi la tua arte'
Non ci sono commenti

Invia un commento