Mikail Akar, il "Mini Picasso" e prodigio dell'espressionismo
22521
post-template-default,single,single-post,postid-22521,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,qode-news-2.0.1,qode-quick-links-2.0,aawp-custom,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-18.2,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.5,vc_responsive

Mikail Akar, il "Mini Picasso" e prodigio dell'espressionismo

Mikail Akar È un ragazzo tedesco che con solo 7 anni ha un impatto sul mondo dell'arte.

Suo padre, Kerem Akar, che ora è anche il suo rappresentante, dice che gli ha dato una tela e pennelli quando ha compiuto 4 anni.

Con sorpresa della famiglia Mikail, ha dimostrato un'insolita padronanza di ciò che è stato sostenuto in ogni momento.

Attualmente è soprannominato il Mini Picasso e ha circa 40 mila follower in Instagram.

Le sue opere ricordano a Jackson Pollock un po 'di ciò che è considerato un rappresentante dell'espressionismo.

Il bambino prodigio usa come strumenti principali la pittura e i guantoni da boxe di suo padre per realizzare i suoi pezzi straordinari.

Si prevede che abbia la sua prima mostra internazionale a Parigi, vicino alla primavera del 2020.


Potrebbe piacerti anche:

5 documentari su artisti che ti faranno amare la pittura

Hilma Af Klint: il vero creatore della pittura astratta

L'introspezione umana nell'opera pittorica di Dae Won Yang

Immagine animata dell'animazione 'condividi la tua arte'
Non ci sono commenti

Invia un commento