Un nuovo libro sulla follia di Vincent van Gogh

Lunedì 14 gennaio 22.22 GMT


Un nuovo libro sulla follia di Vincent van Gogh


Demenza, dramma d'amore o lotta tra amici? le ragioni che hanno portato Vincent van Gogh a tagliare l'orecchio sinistro il dicembre 23 di 1888 ad Arles, Francia Tuttavia, siamo rimasti fermi in quella parte della storia e ci siamo dimenticati degli ultimi anni in cui il post-impressionista è entrato nel mondo psichiatrico Saint-Paul.

Da 8 di maggio di 1889 a 16 di maggio di 1890 è stato il tempo in cui è rimasto nel manicomio e che si avvicina al nuovo libro Notte stellata: Van Gogh nell'asilo, dal giornalista e studioso di van Gogh Martin Bailey.
L'autrice mette in luce nuovi dettagli su come è stata la vita a Saint-Paul, i dipinti van Gogh creati mentre era lì, così come un visione del suo fragile stato mentale. Ricerca era basato su lettere, un giornale inedito di un artista locale che conosceva il pittore e i registri ospedalieri olandesi.

L'arte come terapia

Anche se nella Snon-Paul ha fatto ricorso alla musica e all'arte per guarire i loro pazienti, van Gogh ha avuto il privilegio di mantenere il ritmo del suo lavoro perché è diventato amico del regista, Théophile Peyron. Senza dubbio, è stato un momento molto prolifico nella sua carriera, ma le sue crisi lo hanno portato a mangiare i suoi pigmenti: "I miei ricordi di questi tempi difficili sono vaghi", scrisse a Theo, ammettendo di aver mangiato "cose ​​sporche".
Durante quel periodo van Gogh realizzò grandi dipinti, più di 150 di cui è sopravvissuto. Le opere sono ispirate al giardino di Saint-Paul, alle vedute dei campi di grano, agli autoritratti e ai ritratti del personale.

Essendo entrato volontariamente, è rimasto per un breve periodo. Per van Gogh essere in quell'ambiente lo ha reso più malato. Martin Bailey pensa che i suoi problemi di salute mentale abbiano causato l'auto-mutilazione.
"Avrebbe potuto farlo nel disperato tentativo di mettere a tacere i rumori o le parole terribili che pensava di sentire", scrive Bailey. "Nella massima disperazione, Van Gogh avrebbe potuto credere che rimuovendo l'orecchio non avrebbe più potuto sentire i suoni terribili che lo stavano facendo impazzire."

Dopo van Gogh

Attualmente l' Saint-Paul-de-Mausole Continua ad essere un ospedale psichiatrico, ma anche è stato abilitato come museo. Il pubblico può visitare i suoi giardini, la cappella e il chiostro del 12 ° secolo, così come diverse stanze, tra cui una arredata come se fosse 1889 di nuovo. Il poster dice "Camera da letto di Van Gogh", ma l'artista ha davvero dormito in una parte diversa del manicomio.