Lou Andreas-Salomé, la donna che si innamorò di Nietzsche, Freud e Rilke
10148
post-template-default,single,single-post,postid-10148,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,qode-news-2.0.1,qode-quick-links-2.0,aawp-custom,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,qode-theme-ver-18.2,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.5,vc_responsive

Lou Andreas-Salomé, l'indomita donna che si innamorò di Nietzsche, Freud e Rilke

Libero, stravagante, moderno, intelligente e indomabile. Questo era il modo Lou Andreas-Salomé, la donna che si innamorò (e disturbato) a Friedrich Nietzsche, Sigmond Freud e Rainer Maria Rilke.

nato a San Pietroburgo 12 Febbraio 1861, Lou ha capito fin da giovane che la sua filosofia di vita sarebbe stata la libertà. Suo padre, un generale russo degli eserciti dello zar Alessandro II, gli disse: "Diventa ciò che sei". Morì quando aveva 16 anni.

Vivi di essere libero

Lou, il più giovane degli uomini di 5 e con una madre dedicata alla cura dei suoi figli, lo era il ribelle della famiglia.

Dagli anni 15 ha appreso i lavori di Kant e Spinoza. Il suo desiderio di viaggiare e studiare come ogni uomo l'ha portata a Zurigo. Lì si è dilettato teologia y Filosofia nell'università svizzera.

Il suo primo mentore fu il predicatore tedesco Henrik Gillotcon il quale ha scoperto Descartes, Pascal, Voltaire e Rousseau.

Il suo intelletto e magnetismo presto si innamorò della sua insegnante, che sposò e con due figli, propose il matrimonio.

Quello sarebbe il primo sulla lista rifiutata di Lou.

L'intensa Roma

In 1881 si è trasferito a Roma accompagnato da sua madre. Ha visitato lo scrittore Malwida von Meysenbug, un membro di spicco della cerchia ristretta di Wagner.

La relazione con Meysenbug l'avrebbe avvicinata il filosofo Friedrich Nietzsche e lo scrittore ludopato Paul Rée, che dal loro primo incontro erano affascinati e chiedevano il matrimonio.

Tuttavia, non ha aperto un'opportunità per nessuno. Fu così che i tre intellettuali si formarono un'amicizia afflitta da gelosie e dispute che è stato immortalato nella famosa immagine in cui Nietzsche e Rée sembrano essere due animali pronti a tirare un carretto su cui Salome maneggia una frusta.

Il colpo finale a questo trio fu il tradimento di Nietzsche da parte di Rée. Un giorno Paul e Salome viaggiarono insieme a Berlino, senza Friedrich, naturalmente. Lì hanno vissuto insieme per alcuni anni.

La notizia ha devastato il filosofo tedesco, ma il rapporto tra Rée e Lou non sarebbe durato a lungo.

Anni dopo si sposò professore di linguistica Carl Friedrich Andrease sebbene fossero insieme fino a 1930, ha mantenuto relazioni aperte con altri uomini.

Rilke: il più amato?

Non potremmo dirlo, ma forse Era Rainer Maria Rilke. Lou mantenne con lui la relazione più duratura e libera.

Il giovane poeta, quindici anni più giovane di lei, riuscì a stabilire una complicità appassionata con Lou, in cui prevalsero scontri e sparizioni.

Sono stati scritti fino al giorno della morte di Rilke in 1926, a causa della leucemia.

Salome è entrato in una profonda crisi dopo che Paul Rée si è suicidato nel luogo in cui lo ha respinto per l'ultima volta.

Trovando aiuto al Dr. Friedrich Pineles, Lou aveva una relazione con lui che lo avrebbe portato a scrivere il saggio L'erotismo, che ha arricchito i suoi romanzi e poesie più che 10.

L'ultimo amore, il più maturo

Dopo tutti questi tragici eventi, Salome si è affidata alla psicoanalisi. Riuscì a formare una vocazione così profonda da portare a un'intensa relazione con Sigmund Freud.

Nonostante tutto, Lou è riuscito ad innamorarsi di grandi pensatori del suo tempo, solitario 5 è morto a febbraio di 1937 in Germania, agli anni 75 grazie a insufficienza renale.

Immagine animata dell'animazione 'condividi la tua arte'
Non ci sono commenti

Invia un commento