Scrittori e artisti che hanno subito l'orrore dell'Olocausto

Martedì 03 settembre 17.37 GMT


Scrittori e artisti che hanno subito l'orrore dell'Olocausto


La Seconda Guerra Mondiale Ha colpito tragicamente migliaia di persone, di cui molte sono morte e solo alcune sono sopravvissute.

Senza dubbio, è stato uno degli episodi più tristi della storia dell'umanità, poiché la violenza e l'odio in tutto il mondo hanno preso forme inaspettate.

C'erano anche personaggi di spicco che sperimentarono anche gli orrori dell'Olocausto.

Un incubo che è iniziato a settembre di 1939 e che non ha trovato fine fino a 1945.

Ana Frank

Per più di due anni, Anne Frank, la sua famiglia e altre quattro persone si sono nascoste dai nazisti.

Quando furono finalmente trovati ad Amsterdam, Ana fu inviata a campo di concentramento di Auschwitz dove è morto

L'unico sopravvissuto degli otto nascosti fu Otto Frank, suo padre, che avrebbe diffuso il famoso Diario di Anne Frank.

Elie Wiesel

Lo scrittore ungherese era prigioniero dei nazisti all'età di 14.

Ed è stato uno dei sopravvissuti del Campi di concentramento di Auschwitz e Buchenwald.

Durante questo periodo morirono suo padre Shlomo, sua madre Sarah e sua sorella minore Judith; sebbene le sue due sorelle maggiori Hilda e Bea siano riuscite a rimanere in vita.

Indubbiamente, questo momento ha segnato completamente la vita di Wiesel, quindi si è dedicato alla scrittura sull'orrore dell'Olocausto

Ecco come si è formata la trilogia della notte, composta da: "La notte", "L'alba" e "Il giorno", essendo Premio Nobel per la pace in 1986.


Primo Levi

questo Scrittore e chimico italiano 10 rimase per mesi nel campo di concentramento di Auschwitz.

Tra gli ebrei italiani 650 con cui rimase, fu uno dei fortunati 20 sopravvissuti allo sterminio.

Uno dei suoi lavori più rilevanti è stato Se questo è un hombre, considerato uno dei più rilevanti del ventesimo secolo.

Roman Polanski

Il regista ha subito le atrocità dell'Olocausto da parte dei suoi antenati ebrei.

Sebbene sia riuscito a sopravvivere proprio come suo padre, sua madre incinta morì nella camera a gas.

Va notato che nessuno di loro praticava la religione e che era ancora più vicino al cattolicesimo.

Polanski sopravvisse dopo aver vissuto come un mendicante per strada e posare come figlio cattolico in famiglie affidatarie.

Ha fatto il nastro Il pianista dove si occupa grossolanamente dell'argomento.


Imre Kertész

Il romanziere ungherese fu catturato e portato in un campo di sterminio all'età di 15.

Per sopravvivere, si impersonava come lavoratore; tuttavia la sua famiglia morì nell'olocausto.

Tra i suoi titoli spicca Nessuna destinazione.

Adam Kuckhoff

Lo scrittore, giornalista e drammaturgo tedesco era eseguito in prigione la prigione di Plötzensee, in 1943.

Kuckhoff era membro del gruppo di resistenza antifascista che la Gestapo in seguito chiamò la Red Orchestra.

Uno dei suoi grandi contributi è stato Il tedesco di Bayencourt.