Scarica i racconti di Juan Rulfo totalmente gratis
10127
post-template-default,single,single-post,postid-10127,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,qode-news-2.0.1,qode-quick-links-2.0,aawp-custom,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Scarica i racconti di Juan Rulfo totalmente gratis

Nonostante abbia solo pubblicato La pianura in fiamme (1953), e Pedro Páramo (1955) Juan Rulfo, divenne il padre della letteratura messicana e la narrativa ispano-americana del ventesimo secolo.

La sua infanzia difficile segnata da Cristero War (1926-1929), l'omicidio di suo padre e la migrazione, fatta Juan Nepomuceno Carlos Pérez Rulfo Vizcaíno, uno scrittore sensibile e solitario, ma allo stesso tempo romantico, umile e semplice.

L'eterno amante di Clara Aparicio, nasce 16 di Maggio di 1917 ad Apulco, Jalisco, uno degli stati più colpiti dal Cristiada, riflesso nelle sue storie e romanzi, quel Messico dimenticato e sofferente.

Ha fatto lo stesso con il fotografia. Con i suoi due libri già pubblicati, Rulfo dedicò gran parte della sua vita a catturare la sensibilità umana e le classi emarginate nel paese.

Il suo lavoro come fotografo, iniziato negli anni 30, lo ha portato anche a lavorare nel cinema e ad allestire mostre, una delle quali, in Belle Arti.

Rulfo una volta disse che non voleva più scrivere, perché aveva paura di cadere dal gradino che aveva raggiunto con i suoi capolavori. Tuttavia, la sua penna non ha smesso di scrivere e ci ha lasciato un po ' storie che puoi scaricare gratuitamente.

Buona lettura!

"I problemi sociali possono essere posti in modo artistico. È difficile eludere il problema sociale da un'opera, perché sorgono stati in conflitto, che costringono lo scrittore a svilupparla. "JR.

Immagine animata dell'animazione 'condividi la tua arte'
Commenti
  • Humberto Saldaña Pico
    Pubblicato in 11: 46h, 07 giugno risposta

    Complimenti. È un dono che distribuiscono gratuitamente una letteratura così alta.

  • Liliana
    Pubblicato in 17: 45h, 09 giugno risposta

    grazie

Invia un commento