Albert Camus: l'ateo assurdo ed esistenzialista

Giovedì 07 novembre 12.37 GMT


Albert Camus: l'ateo assurdo ed esistenzialista


Padre dell'esistenzialismo

Camus è associato al assurdismo ed esistenzialismoTuttavia, non si è mai definito tale. Il suo lavoro e il suo genio hanno scosso la Francia e il mondo. Riteneva che l'arte modellasse il mondo e fosse il veicolo del pensiero. Nel 1957 gli fu assegnato il premio Nobel per la letteratura. Ha respinto il marxismo, il cristianesimo e l'esistenzialismo, in generale tutti i tipi di dogma. Mentre sosteneva principi come Libertà o giustizia. I suoi scritti erano una riflessione continua sulla condizione umana in un mondo irrazionale e indifferente. Tra le sue opere più importanti ci sono: Il contrario e il diritto, L'uomo ribelle, Lo straniero, La peste e Il mito di Sisifo. Potrebbe piacerti anche:

Valeria Luiselli: una voce indispensabile nella letteratura messicana

L'Inghilterra che ha segnato le opere di Charles Dickens

Juan José Arreola: appassionato di lettere, teatro e arte