Juan José Arreola: appassionato di lettere, teatro e arte

Lunedì 23 settembre 14.47 GMT


Juan José Arreola: appassionato di lettere, teatro e arte


Juan José Arreola è senza dubbio uno degli scrittori fondamentali nella storia del Letteratura messicana.

Durante tutta la sua carriera, è stato anche un eccezionale accademico ed editore nato il 21 di settembre di 1918.

Originario di Zapotlán el Grande, oggi Ciudad Guzmán, Jalisco, era il quarto dei figli di 14.

Alla 1930 ha lavorato come rilegatore di libri, ma anni dopo si è trasferito a Città del Messico.

Lì, ha studiato alla Theatre School of Fine Arts e ha iniziato la sua carriera come attore di soap opera radiofonica XEQ.

Le lettere come uno striscione

In 1939, è tornato a Zapotlan dopo aver lasciato la scuola e intrapreso un tour fallito con Rodolfo Usigli nella compagnia del Teatro di mezzanotte.

È così che ha pubblicato la sua prima storia Sogno di natale nella rivista El vigía. Con questo, sarebbe arrivato anche il primo dei suoi scritti riconosciuti Ha fatto bene mentre viveva (1943).

Allo stesso tempo, Arreola ha insegnato teatro e ha continuato con i suoi scritti sul giornale El Occidental.

Si è trasferito a Parigi su 1944, dopo aver intervistato il attore Louis Jouvet, che gli offrì una borsa di studio dall'istituto francese dell'America Latina.

Lì ha partecipato a vari spettacoli teatrali, ma è tornato in Messico per la salute e la depressione.

In 1946, ha lavorato come traduttore, editore e correttore di bozze nel Fondo per la cultura economica.

tradotto Isola Di Pasqua (1950) di Alfred Mátraux, Il cinema: la sua storia e la sua tecnica (1950) di George Sadoul.

Arte teatrale (1951) di Gastón Baty e de Chavance, Arte religiosa dal XII al XVIII secolo (1952) di Émile Male e altri.

Inoltre, ha incontrato Daniel Cosío Villegas, che ha pubblicato Varie invenzioni (1949), il primo libro di Arreola pubblicato sotto la collezione Tezontle.

Un insegnante con passione

Arreola lavorò anche al Colegio de México, mentre scrisse il suo capolavoro Confabulario (1952).

Per questo, ha ricevuto il Premio Jalisco per la letteratura, il Premio Festival drammatico dell'Istituto Nazionale di Belle Arti e il Premio Xavier Villaurrutia.

Dopo aver lasciato il Fondo per la cultura economica, ha ricevuto la proposta di dirigere una compagnia teatrale dell'UNAM.

E 'stato anche rilevò La Casa del Lago, su richiesta di Nabor Carrillo, allora rettore dell'UNAM.

La House of the Lake ha inaugurato il 15 di settembre di 1959, è diventato un importante centro culturale del 60.

Tuttavia, Arreola fu licenziato dalla direzione di La Casa del Lago con il cambio di rettore.

Pertanto, ha insegnato presso la School Theatre dell'INBA e presso il Mexican Writers Center.

In 1964, ha diretto la collezione L'unicornoe ha iniziato come professore all'UNAM.

Anni dopo ha pubblicato l'edizione di bestiario, che ha completato la serie iniziata in 1958, con Punta d'argento.

Il suo passaggio attraverso lettere e arti è stato riconosciuto con il National Prize in Letters (1979).

Premio Juan Rulfo (1992), Alfonso Reyes e Premio Ramón López Velarde.

L'3 di novembre di 2001, è morto a 83 anni nella sua casa di Jalisco, dopo essere stato vittima di idrocefalo,