Joan Josep Tharrats: l'avanguardia spagnola dell'astratto

Giovedì 05 marzo, 08.53 GMT

 

El 5 marzo 1918 nasce il pittore, teorico dell'arte ed editore spagnolo Joan Josep Tharrats.

Joan Josep Tharrats era stato addestrato all'Escola Massana a Barcellona a metà degli anni Trenta, prima della guerra civile.

Dopo un servizio militare che è durato quattro anni, ha ripreso la sua attività artistica nel 1942.

Inizialmente il suo lavoro era vicino all'impressionismo; tuttavia, presto ha optato per il astrazione, influenzato da Piet Mondrian e Vasily Kandinsky.

Nel 1947 incontra artisti e scrittori all'Istituto Francese di Barcellona, ​​Arnau Puig, Joan Ponç, Modest Cuixart, Antoni Tàpies e Joan Brossa, con i quali fonda il gruppo Dare al set.

Insieme a questo circolo ha tenuto mostre, attività culturali e curato il rivista Dare al set.

Ha esposto individualmente per la prima volta nel 1949 e da allora è diventato uno dei pittori catalani più conosciuti a livello internazionale.

Durante il dopoguerra, Joan Josep Tharrats guidò l'avanguardia catalana con un lavoro che si è evoluto da un'astrazione lineare di radici surrealiste a un informalismo strutturato, colorato e libero.

Ha creato la sua versione del tecniche di stampaggio, che chiamava 'maculature' e che partiva dai fogli che si erano incastrati tra i rulli della macchina da stampa e venivano macchiati dagli inchiostri successivi.

Joan Josep Tharrats, ha anche realizzato poster, muro, vetrate, mosaici, gioielli, scenografie e illustrazioni di libri.

Senza dimenticare che si è sviluppato contemporaneamente come teorico dell'arte e poeta, promuovendo la rivista di poesie Black + blau (1983).

I suoi dipinti facevano parte della Biennale di San Paolo e di Venezia nel 1960 e nel 1964, quindi molte delle sue opere fanno parte del MoMA, del Guggenheim Museum di New York, della Tate Gallery di Londra, del Reina Sofía Museum di Madrid e il MACBA di Barcellona.

È morto 4 luglio 2001, negli anni di 83.

 

Potrebbe piacerti anche:

 Pascal Vilcollet si appropria e ricostruisce immagini su larga scala

Arte concettuale e distorta in stile classico di Igor Gusev

Constantin Brancusi, uno scultore che è passato dalla semplicità alla bellezza