Un viaggio attraverso la storia del British Museum

Mercoledì 15 gennaio 14.19 GMT



Un viaggio attraverso la storia del British Museum

El British Museum Inaugurato il 15 gennaio 1979, ha una storia piena di spunti eccezionali che lo rendono un luogo unico.

L'idea nacque nel 1753, quando morì Hans Sloane, medico e naturalista, donò circa 80 oggetti dalla sua collezione privata allo Stato britannico.

Tra questi, sono stati trovati anche circa 40 mila libri di valore incalcolabile.

I pezzi provenivano da Egitto, Grecia, Roma e America, per nominare alcuni siti.

All'inizio, la Montagu House fungeva da quartier generale che ospitava questi elementi; tuttavia, a causa delle successive acquisizioni e donazioni, il sito deve essere cresciuto.

Rinnovo e popolarità

Nel 1852 si concluse con il nuovo edificio dedicato al British Museum, neoclassico e alle opere dell'architetto Robert Smirke.

Mentre nel 2000 è stata aggiunta l'ultima estensione, il grande atrio di Isabella II che ha un tetto in vetro e acciaio di Norman Foster.

Il posto è principalmente dedicato a antiquariato ed è composto da dieci diverse aree.

Situato in Great Russell Street, nel quartiere di Bloomsbury, ha attualmente 8 milioni di oggetti e riceve tra i 5 e i 6 milioni di visitatori all'anno.

Il che lo rende uno dei più importanti a livello internazionale insieme al Louvre di Parigi e al Metropolitan Museum di New York.

Potrebbe piacerti anche:

Whale, il museo norvegese che promette di essere una bellezza acquatica

Il fascino parigino del Museo d'Orsay

Fatti interessanti di uno dei musei più famosi al mondo: il Louvre