Muore e discepolo muralista di Diego Rivera: Rina Lazo


Muore e discepolo muralista di Diego Rivera: Rina Lazo


Questo venerdì novembre 1 è morto l'ultimo rappresentante del muralismo a Città del Messico, Rina Lazo.

I suoi parenti hanno annunciato che la causa era un fulminante attacco di cuore.

L'artista di origine guatemalteca è arrivato nel paese a causa di una borsa di studio ed è entrato nel Scuola di pittura e scultura, La Esmeralda.

Era una discepola di Diego Rivera, che l'ha riconosciuta come una delle sue migliori studentesse e l'ha presa come la mano destra in alcuni progetti.

Il primo è stato Sogno di una domenica pomeriggio nella Alameda Central, lavoro fondamentale nella cultura del Messico.

Lo era suo marito Arturo García Bustos, di cui faceva parte "The Fridos", cioè, il gruppo di studenti in carica niente di più e niente di meno che Frida Kahlo.

La coppia integrata da Rina e Arturo viveva nella casa rossa, situata nel quartiere di Coyoacán, che ospitava anche José Vasconcelos.

 

Combattente muralista e sociale

 

Il lavoro di Lazo fu inevitabilmente influenzato da questioni sociali Ha difeso e partecipato a diversi movimenti per la causa.

Era persino un militante di Partito comunista, l'impegno che ha acquisito con le persone è stato maggiore.

L'artista nato in 1923 si è distinto come membro del movimento muralista Messicano.

Ha partecipato ai lavori dell'Hospital de la Raza e dello Stadio Olimpico della Città Universitaria.

Si distingue per le opere che ha fatto sia sui murales che sul cavalletto. Da qualche tempo si dedica anche all'insegnamento.

Ha lasciato incompiuto: Gli inferi dei Maya, a cui stavo lavorando.

 

Potrebbe piacerti anche:

Saturnino Herrán: il giovane muralista di enorme patrimonio messicano

Aurora Reyes: il primo muralista messicano che merita il riconoscimento

 José Clemente Orozco, il muralista messicano con causa sociale