La fase più criticata e controverso della vita e dell'opera di Paul Gauguin
8265
post-template-default,single,single-post,postid-8265,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,qode-news-2.0.1,qode-quick-links-2.0,aawp-custom,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-18.1,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.2,vc_responsive

La fase più criticata e controverso della vita e dell'opera di Paul Gauguin

Sulle spiagge paradisiache della Polinesia francese, Paul Gauguin vedrebbe la sua più radicale evoluzione nella sua vita artistica e personale.

Iniziato nella corrente impressionista, la sua evoluzione verso il sintetismo e il simbolismo lo ha reso una figura artistica del tardo diciannovesimo secolo.

Dopo continui viaggi attraverso l'Europa e l'America Latina, è invaso dal desiderio di cercare nuove motivazioni creative e diversi scenari per la sua pittura.

Stanco della superficialità della società francese, prende una barca e parte per Tahiti. Lì, avrebbe affrontato se stesso, conoscere una realtà diversa e trovare nuovi e colorati paesaggi da catturare nelle sue tele.

Gauguin il viaggiatore

Orfano di padre dai tre anni, Gauguin trascorse la sua infanzia tra le città di Parigi e Lima, da dove proveniva parte della famiglia di sua madre. La sua mancanza di interesse negli studi ha fatto sì che 1865 si imbarcasse per Rio de Janeiro, in Brasile. E così avrebbe passato la maggior parte della sua vita, viaggiando.

Arrivato a Parigi, si è servito di agente del cambiamento, un'occupazione che si è alternata al suo crescente interesse per la pittura e il collezionismo. Tuttavia, dopo la crisi finanziaria che la Francia ha vissuto in 1882, ha deciso di dedicarsi completamente alla pittura. Questa decisione è stata influenzata dal pittore danese Camille Pissarro.

Gauguin, Era sposato con Mette Sophie Gad e insieme avevano cinque figli. In 1885, spinto dalle circostanze familiari, Gauguin vive a Copenhagen, la città natale di sua moglie. Più tardi, è tornato a Parigi con suo figlio Clovis nel giugno dello stesso anno e si è interessato alla ceramica.

La foto di Gauguin

Gauguin, viaggio a Tahiti

È 1891, Tahiti è una delle ultime colonie annesse alla Francia. Gauguin, che era già conosciuto nell'ambiente artistico degli impressionisti, decise di allontanarsi dalla città della luce.

Sfidando la solitudine, la povertà e la malattia, abbandona sua moglie e i suoi figli e si imbarca in quella che è stata forse l'avventura più cruciale della sua vita.

A Tahiti incontra Tehura, un'adolescente di età 13 con cui entra in una relazione romantica. Inoltre, sarebbe diventato il modello principale dei suoi dipinti più iconici.

Nella Polinesia francese, Gaugin sarebbe rimasto 18 mesi. Lì ha dipinto i dipinti 66, le sue opere tahitiane che influenzarono i Fauves, i cubisti e segnarono l'arrivo dell'arte moderna.

locandina del film Gauguin

Romanticismo del crimine

È 1893, impoverito e malato, Paul Gauguin torna a Parigi. Entusiasta di mostrare le sue esperienze a Tahiti e le opere emanate da quel viaggio, scrive Noa, Noa. Riguarda i ricordi della tua avventura più idilliaca e importante.

Tuttavia, questo tipo di giornale ha visto la luce 17 anni dopo la sua morte, in 1920.

Questo film del regista Édouard Deluc è basato su questi ricordi. È interpretato dall'attore Vincent Cassel e presentato in anteprima a 2017. Sebbene sia acclamato per la sua bellezza e le sue prestazioni fotografiche, la sua distribuzione è stata e continua ad essere complicata.

Ed è quello che è stato immediatamente messo nelle sale cinematografiche, questo passaggio della vita di Paul Gauguin ha causato polemiche. questo, per il rapporto con gli adolescenti di 13 che l'impressionista ha sostenuto.

La critica a Deluc è dovuta al fatto che il regista ha preso Noa, Noa e adattò liberamente i testi di Gauguin. E non è la libertà che disturba gli spettatori. Ma il modo in cui romanticizza i rapporti di stupro che l'artista sosteneva. Inoltre, pedofilia e colonialismo. E omette la sifilide che il pittore ha sofferto.

Inoltre, la condizione dell'uomo bianco, letterato e occidentale che arriva in uno spazio "incivile" e "scelto", comprende la sua volontà.

Per qualsiasi motivo, se ammirare la sua arte, conoscere la sua storia o criticare le sue azioni, il film su Paul Gauguin: Gauguin, viaggio a Tahiti È essenziale se sei fanatico (o) di arte.

Immagine animata dell'animazione 'condividi la tua arte'
Non ci sono commenti

Invia un commento