Renzo Piano, un architetto visionario, con un cuore verde
10105
post-template-default,single,single-post,postid-10105,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,qode-news-2.0.1,qode-quick-links-2.0,aawp-custom,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,qode-theme-ver-18.2,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.5,vc_responsive

Renzo Piano, un architetto visionario dal cuore verde

La immaginazione e visione futuristica di Renzo Piano, hanno reso l'italiano uno degli architetti sostenibili più riconosciuti al mondo.

Tutto è iniziato in Francia. Questa terra ospitava il suo primo capolavoro: il Centro Pompidou.

Dopo questo, sarebbe diventato famoso in 1971, dopo il suo progetto fatto con Richard Rogers- è stato il vincitore del concorso per il Centro Culturale dell'Altopiano Beaubourg a Parigi.

Così, Piano e Rogers scommettono su una proposta alternativa che rompa con la costruzione di un monumento. Volevano un grande giocattolo urbanoe ce l'hanno fatta.

Da allora, il successo e il lavoro di Renzo sono stati inarrestabili. L'italiano ha creato la sua firma Renzo Piano Building Workshop, con sede a Genova, sua città natale e New York, raggiungendo anni dopo, essendo vincitore del Pritzker Prize (1998).

"La sostenibilità consiste nell'edificare il pensiero sul futuro, non solo prendendo in considerazione la resistenza fisica di un edificio, ma anche pensando alla sua resistenza stilistica, agli usi del futuro e alla resistenza del pianeta stesso e delle sue risorse energetiche". RP

Un Renzo con un cuore verde

La Shard, oltre ad essere uno degli emblemi di Londra, è stato caratterizzato dalla sua costruzione con materiali riciclati e la riduzione del consumo di energia.

La struttura vetrata dei pavimenti 95, misura 309.6 metri di altezza ed è stata inaugurata in 2012.

Con la certificazione LEED Platinum, il California Academy of Sciences (UE), è diventato l'edificio pubblico più sostenibile al mondo.

Il meraviglioso recinto situato nel Golden Gate Park ha pareti di vetro che permettono di osservare un museo di storia naturale, un acquario, un planetario e ettari di vegetazione.

Tra gli altri del genio del luogo è il tetto, che coperto da ettari di la vegetazione consente di filtrare e riutilizzare l'acqua piovana.

L'edificio è anche a risparmio energetico e contribuisce alla climatizzazione dello spazio.

El Centro culturale Jean-Marie Tjibaou situato nell'arcipelago della Nuova Caledonia, onora Jean-Marie Tjibaou, capo assassinato del Kanak (indigeni nativi della Nuova Caledonia).

El complesso d'avanguardia Costruito tra 1991 e 1998, riflette la cultura e le tradizioni del luogo che sono combinate con i padiglioni in legno 10, la vegetazione e le pareti di bambù che consentono l'uso della luce solare. Solo vedere questo posto illumina la vista.

Anche l'architetto innovativo è stato responsabile della creazione "Polmoni verdi" nelle città, con la riconversione delle terre industriali, che hanno ottenuto riconoscimenti internazionali.

La Il negozio Hermés a Tokyo, l'edificio del New York Times, l'Università della Columbia (NY), l'auditorium Parco della Musica a Roma o l'aeroporto internazionale Kansai in Giappone, sono solo un'altra delle grandi opere di questa appassionata di architettura ed ecologia.

L'edificio del New York Times
Columbia University, New York
Immagine animata dell'animazione 'condividi la tua arte'
Non ci sono commenti

Invia un commento