Oscar Niemeyer, il rivoluzionario che ha creato l'architettura moderna
20687
post-template-default,single,single-post,postid-20687,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,qode-news-2.0.1,qode-quick-links-2.0,aawp-custom,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-18.2,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.5,vc_responsive

Oscar Niemeyer, il rivoluzionario che ha creato l'architettura moderna

Oscar Niemeyer era straordinario Architetto brasiliano e pezzo chiave per comprendere lo scenario moderno.

È nato Dicembre 15 di 1907 a Rio de Janeiro e si è laureato come ingegnere-architetto presso la School of Fine Arts, in Brasile.

Ha avuto una notevole influenza sulle idee di Le Corbusier, ma avrebbe presto scoperto il suo stile che ha rivoluzionato ciò che è stato visto fino a quel momento.

La combinazione che ha stampato nei suoi progetti di linee rette innovative e linee curve Aveva un'accettazione schiacciante.

Era uno dei responsabili della progettazione e della realizzazione di diverse costruzioni a Brasilia che rappresentavano la nuova capitale di quel sito.

Comunista, Niemeyer faceva parte di un movimento che avrebbe avuto ripercussioni sul presente in termini di edifici a livello internazionale.

Con la dittatura militare dovette cercare l'esilio in Europa, visse a Parigi per una stagione.

Ma alla fine di questa fase è tornato nel suo paese per continuare con un'intensa attività professionale.

Con più di 100 anni è deceduto l'5 di dicembre dell'2012. Ha lasciato progetti 600 nel mondo e 70 anni di carriera.

L'esponente del funzionalismo architettonico è ancora una delle figure più influenti nella sua zona.

Potrebbe piacerti anche:

Ritorno alle radici con l'architettura organica di Senosiain

Francisco Camino Arias, una serie esterna di architettura moderna

Natura e architettura coesistono nella Cattedrale delle verdure

Immagine animata dell'animazione 'condividi la tua arte'
Non ci sono commenti

Invia un commento