Diego Rivera, il muralista di un impegno sociale costante

Lunedì 25 novembre 12.34 GMT


Diego Rivera, il muralista di un impegno sociale costante


Diego Rivera È uno dei massimi rappresentanti del muralismo, quindi la storia della sua vita professionale e personale è degna di un romanzo.

È nato Dicembre 8 di 1886 a Guanajuatoe ebbe un fratello gemello che poco dopo morì.

Il suo nome completo era: Diego María de la Concepción Juan Nepomuceno Estanislao de la Rivera e Barrientos Acosta y Rodríguez.

Ha studiato all'Accademia di San Carlos, una delle influenze più forti per lui è stata José Guadalupe Posada.

In gioventù gli è stata assegnata una borsa di studio per viaggiare a Parigi e continuare la sua formazione accademica.

Lì ebbe un profondo riavvicinamento con le tendenze artistiche in voga e figure come Pablo Picasso o Paul Cézanne.

In 1921 è tornato in Messico su invito di José Vasconcelos, che ha visto in muralismo Una forma di educazione per la popolazione.

Il suo primo lavoro su larga scala fu La creazione presso la National Preparatory School, attualmente al Museo di San Ildefonso.

È lì che ha incontrato una delle donne più importanti della sua vita, la pittrice Frida Kahlo.

Entrambi gli artisti si sono sposati due volte, il primo in 1929 e il secondo in 1940. Rimasero insieme fino alla morte di Kahlo.

La sua carriera è stata prolifica e rilevante sotto ogni aspetto, i compiti che gli sono stati affidati sono stati nazionali e internazionali.

Tra le sue opere sottolineano il murale del Palazzo Nazionale o quello dell'Università Autonoma di Chapingo.

Degli ultimi pezzi che ha realizzato sono allo University City Stadium o al Teatro Insurgentes.

È morto nel Città del Messico a novembre 24 di 1957. Ha donato al suo paese quello che oggi è il Museo Anahuacalli, costruito da lui.

I suoi resti riposano nella Rotonda degli uomini illustri.

Sul lavoro di Rivera

 

Il contenuto sociale era una delle caratteristiche principali della sua arte.

Rivera, insieme a José Clemente Orozco e David Alfaro Siqueiros, furono le figure più importanti del muralismo in Messico.

Pertanto, hanno illuminato diversi edifici pubblici in modo che l'arte raggiungesse così la maggioranza.

Mentre c'era una narrazione costante nei suoi dipinti, anche un'indagine approfondita della storia del paese.

Ha forgiato e plasmato l'identità nazionale.

Il marxista e il comunista reinterpretarono magistralmente diversi passaggi che considerava fondamentali.

Con un'ideologia rivoluzionaria e controversa allo stesso tempo, la sua impegno sociale e politico Era indistruttibile. 

La sua casa era il centro delle riunioni a cui partecipavano le figure principali in tutte le aree.

La cultura nazionale era il filo conduttore del suo lavoro e fino ad ora è riconosciuto come uno dei più grandi artisti di tutti i tempi.

 

Potrebbe piacerti anche: 

Carlos Fuentes, una visione cosmopolita del Messico

Il xoloitzcuintle: animale sacro del Messico preispanico

Le adelitas che hanno segnato la trasformazione della rivoluzione messicana